Apple ammette di aver scansionato le tue e-mail iCloud dal 2019

Posted by

In un messaggio inviato direttamente a 9TO5MacApple ha confermato che le distribuzioni di iCloud Mail hanno eseguito la scansione di materiale sugli abusi sessuali su minori (CSAM) almeno dal 2019. Altre piattaforme come iCloud Photos o i backup di iCloud sono esenti da questa pratica.

Questa conferma arriva dopo una richiesta di informazioni derivante da una serie di dichiarazioni molto poco chiare del management antifrode di Apple: “Questa è la più grande piattaforma di distribuzione per la pornografia infantile”, ha affermato il direttore Eric Friedman.

Oltre ad altre dichiarazioni, alcuni utenti curiosi sono riusciti a individuare qualche altro indizio sul lavoro svolto dall’azienda per impedire la distribuzione di contenuti illegali sulle sue piattaforme. Ne è un esempio un documento pubblicato nell’ambito delle misure di sicurezza per i minori.

In questo documento, l’azienda osserva: “Apple si impegna a proteggere i bambini attraverso un ecosistema completo in tutti i nostri prodotti e continueremo a innovare in questo campo. Abbiamo sviluppato le migliori misure a tutti i livelli possibili per prevenire questi crimini, compreso l’uso di tecnologie per il rilevamento di materiale illegale come i filtri di posta elettronica”. Apple aggiunge che qualsiasi account che viola i suoi termini viene bloccato e segnalato alle autorità competenti.

All’inizio del 2020, il responsabile della privacy di Apple, Jave Horvath, ha emesso un messaggio simile, osservando che la società disattiva qualsiasi account che diffonde o archivia materiale illegale, anche se non si fa menzione di come Apple riesca esattamente a farlo.

Va detto che i messaggi inviati tramite iCloud Mail non sono crittografati, quindi è possibile per l’azienda scansionare gli allegati in tempo reale quando i messaggi passano attraverso i server di Apple. Nella sua lettera, la società ha aggiunto che anche altri set di dati non crittografati vengono analizzati su scala ridotta; mentre Apple afferma che i backup degli utenti non vengono analizzati, non è stato rivelato quali altre informazioni l’azienda sta cercando.

Vuoi commentare? Accendi la discussione