Attacco hacker a Twitch – il commento di DarkTrace

Posted by

Twitch, la piattaforma di streaming di proprietà di Amazon, è stata vittima di un leak di dati per più di 100 gigabyte. Rubati il codice sorgente, i guadagni dei creatori di contenuti e i piani dell’azienda, divulgati su un sito che permette di interagire mantenendo l’anonimato.

Vi facciamo leggere il commento di Marcus Fowler, Director of Strategic Threat di Darktrace.

“Sulla base delle informazioni disponibili, dietro l’attacco contro Twitch sembra esserci un hacktivista che ha voluto danneggiare l’azienda perché a suo avviso non aveva intrapreso azioni sufficienti per contrastare “l’hate speech”. Questa violazione si pone sulla scia dell’hack avvenuto a metà settembre ai danni dell’azienda di web hosting Epik, nota per offrire i propri servizi a website di organizzazioni di destra, confermando uno dei trend emergenti: gli attacchi condotti da malintenzionati che operano in linea con la propria percezione del codice etico o della responsabilità sociale.

Le prime analisi sembrano indicare che la violazione sia avvenuta passando da un provider esterno di Twitch, il che ricorda alle aziende che sono protette solo se e nella misura in cui anche la loro supply chain lo è. In questo caso, come per molti altri attacchi informatici avvenuti negli ultimi mesi, è probabile che le conseguenze per Twitch saranno significative, sia in termini di reputazione che finanziari.

La perdita dei creator payload, i dati sui pagamenti fatti ai creatori su Twitch,sarebbe stata relativamente facile da calcolare manualmente (anche se dispendiosa in termini di tempo) anche prima dal data leak, ma il fatto che fossero raccolti tutti nello stesso posto ha fornito ai truffatori un ampio elenco di individui e organizzazioni con un patrimonio netto elevato, obiettivi da poter considerare anche per azioni successive.

L’attuale scenario delle minacce fa sì che nessun settore o organizzazione possa considerarsi al sicuro e evidenzia che chi attacca non pensa solo al guadagno economico o al vantaggio geopolitico. Tra gli obiettivi ci sono anche numerose aziende manifatturiere tradizionali che sfruttano piattaforme di live streaming altamente digitalizzate come Twitch. Per prepararsi allo scenario peggiore, quindi, tutte le organizzazioni dovrebbero adottare misure idonee, come l’implementazione di un’intelligenza artificiale avanzata”.

Vuoi commentare? Accendi la discussione