Clearview AI riceverà un brevetto per la tecnologia di riconoscimento facciale

Posted by

Gli attivisti per i diritti umani temono che il brevetto accelererà la crescita di tali tecnologie prima che i legislatori abbiano il tempo di prevederne tutti i rischi.

La domanda di brevetto di Clearview AI per la tecnologia di riconoscimento facciale è stata ora approvata dal governo federale degli Stati Uniti.

Mi ritrovo a parlare di riconoscimento facciale, esattamente 24 ore dopo aver letto con attenzione l’ultima magistrale analisi/inchiesta portata avanti da Laura Carrer e Riccardo Coluccini per HermesCenter (che vi invito a leggere), nella quale si analizza lo stato dell’arte di questo genere di tecnologie applicate alla sicurezza pubblica in particolare sui migranti, in Italia. Sicuramente affronto la notizia decisamente più sensibilizzato all’argomento e magari anche un po’ di parte (felice di esserlo), la parte contro si intende.

Il software sviluppato da Clearview fa matching delle immagini pubblicamente disponibili sui social media e consente alle forze dell’ordine di abbinare i loro database o le immagini catturate con CCTV. Tuttavia, i difensori dei diritti umani temono questa tecnologia, perché utilizza i volti delle persone a loro insaputa, ancor prima che possano essere o diventare persone sospette.

Le organizzazioni per i diritti civili ritengono che le tecnologie di riconoscimento facciale possano essere sbagliate, spesso identificano erroneamente donne e minori rispetto agli uomini bianchi e talvolta portano all’arresto di persone innocenti.

Ora, alcuni sostenitori temono che l’acquisizione del brevetto di Clearview accelererà la crescita di tali tecnologie prima che i legislatori e le autorità di regolamentazione abbiano il tempo di prevedere tutti i rischi.

Secondo Politico, Clearview ha ricevuto un avviso di brevetto ufficiale dall’Ufficio brevetti e marchi degli Stati Uniti il ​​1° dicembre 2021. Ciò significa che il brevetto sarà approvato non appena l’azienda paga la tassa amministrativa. Il brevetto copre “metodi per fornire informazioni su una persona basati sul riconoscimento facciale” sviluppati da lei, incluso un “crawler web automatico” che scansiona i social network e altre risorse Internet e i suoi algoritmi per analizzare e confrontare le immagini dei volti pervenute da indagini.

Esistono altri brevetti sulla tecnologia di riconoscimento facciale, ma questo è il primo a utilizzare i dati provenienti da Internet“, ha affermato il co-fondatore e CEO di Clearview Hoan Ton-That.

Secondo il CEO, il prodotto della sua azienda utilizza un database di oltre 10 miliardi di foto. Come ha notato Hon Ton-That, “come persona di razza mista” è molto importante per lui che la tecnologia sia “imparziale“.

La tecnologia Clearview è ampiamente utilizzata dalle forze dell’ordine negli Stati Uniti, tra cui l’FBI e il Department of Homeland Security. Almeno dieci agenzie federali intendono espandere l’uso delle tecnologie di riconoscimento facciale nei prossimi due anni.

Australia e Regno Unito hanno accusato Clearview di violare le leggi sulla protezione dei dati.

L’anno scorso, la tecnologia Clearview ha indignato anche i principali social network Twitter, Google, YouTube, LinkedIn e Venmo, che hanno persino inviato una notifica all’azienda chiedendo di smettere di rubare foto e dati degli utenti delle loro piattaforme. Facebook, che ha recentemente annunciato lo stop al proprio sistema di riconoscimento facciale, ha chiesto a Clearview di fare lo stesso.

A loro volta, i rappresentanti di Clearview insistono sul fatto che il Primo Emendamento alla Costituzione degli Stati Uniti consente l’uso di materiali pubblicamente disponibili.

“Tutte le informazioni nei nostri set di dati sono disponibili pubblicamente, gli utenti le hanno pubblicate volontariamente online, non si tratta di fotografie di pellicole fotografiche personali. Se si trattasse di dati riservati, allora sarebbe una questione diversa” – ha affermato il capo di Clearview.

Inoltre questa notizia arriva in concomitanza con l’indiscrezione da parte di Eurostar per la quale avrebbe iniziato a testare una nuova tecnologia di riconoscimento facciale biometrico sui passeggeri che viaggiano dalla stazione internazionale di St Pancras a Londra verso l’Europa continentale. In effetti le preoccupazioni, per gli utilizzi massivi di riconoscimento facciale, non sono poi così lontane dalla realtà: Mosca è stata la prima città a implementare completamente il riconoscimento facciale sulle sue reti di stazioni ferroviarie, lanciando il cosiddetto servizio “Face Pay” su tutte le sue 240 stazioni della metropolitana nell’ottobre 2021.

Vuoi commentare? Accendi la discussione