Dati rubati: dovremmo usarli in progetti scientifici?

Posted by

Gli esperti hanno discusso su come risolvere il problema etico dell’utilizzo dei dati trapelati nella ricerca scientifica.

Il confine tra la perdita di dati per il bene pubblico e il furto sfacciato di dati solo perché è possibile, è molto sottile. Se i dati sono già stati rubati da criminali informatici e resi pubblicamente disponibili, ciò non significa che ora tutti abbiano il diritto di utilizzarli.

Pubblicato questa settimana su Nature Machine, uno studio svizzero progettato per aiutare esperti e ricercatori ad affrontare i dilemmi etici quando si utilizzano le informazioni provenienti da fughe di notizie.

L’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia Marcello Ienca e il Vice Rettore dell’Istituto Svizzero di Medicina Traslazionale Effy Vayena hanno proposto una definizione di dati compromessi. Pertanto, hanno proposto di considerare “i dati ottenuti in modo non autorizzato accedendo illegalmente a un computer oa una rete di computer”.

I dati vengono spesso utilizzati nella ricerca scientifica, come la modellazione dei conflitti basata sui set di dati di WikiLeaks e gli studi sul comportamento sessuale basati sulle informazioni del sito di incontri Ashley Madison, affermano gli esperti.

Tuttavia, l’uso di set di dati illeciti nella ricerca solleva un dilemma simile ai dibattiti passati sulla ricerca basata su esperimenti non etici (come gli “esperimenti medici” nazisti).

Sebbene possa sembrare legittimo che i ricercatori utilizzino dati compromessi se sono di dominio pubblico, “metodi di ricerca responsabili richiedono ancora una chiara motivazione etica per farlo”.

Gli esperti svizzeri hanno proposto sei requisiti etici e procedurali che i ricercatori devono soddisfare prima di utilizzare i dati trapelati nei loro progetti.

Innanzitutto, gli esperti suggeriscono che i ricercatori tengano conto dell’unicità dei dati e riflettano se sia possibile ottenerli in altri modi tradizionali. Inoltre, devono dimostrare che la loro ricerca è di grande importanza sociale e che i benefici che ne deriveranno saranno molto più del possibile danno. Se i dati compromessi sono personalmente identificabili, prima di utilizzarli, i ricercatori devono ottenere il permesso diretto da coloro a cui appartengono i dati.

Nel caso in cui non sia possibile ottenere il consenso per l’utilizzo dei dati, i ricercatori dovrebbero utilizzarli solo se i benefici della ricerca superano di gran lunga i potenziali rischi. Inoltre, dovrebbero registrare chiaramente come e quando sono stati ottenuti i dati. I ricercatori dovrebbero dettagliare quando hanno avuto accesso alle informazioni di identificazione personale senza che i loro proprietari ne fossero a conoscenza e cosa hanno fatto per garantirne la sicurezza e la privacy.

I cinque punti precedenti portano a un sesto: la ricerca che utilizza dati compromessi deve essere effettuata con l’approvazione dei comitati istituzionali.

Vuoi commentare? Accendi la discussione