Anche Facebook fa la sua parte: bannato gruppo “Stop the Steal” per aver seminato violenza

Posted by

 Facebook giovedì ha vietato un grande gruppo chiamato “Stop the Steal” che i sostenitori del presidente Donald Trump stavano usando per organizzare proteste contro il conteggio dei voti presidenziali. Alcuni membri avevano chiesto la violenza, mentre molti hanno falsamente affermato che i democratici “rubano” le elezioni ai repubblicani.

Sebbene il gruppo abbia accumulato più di 350.000 membri prima che Facebook lo eliminasse, è stato solo uno dei numerosi gruppi più piccoli che è apparso mentre il conteggio dei voti si estendeva per giorni in diversi stati del campo di battaglia. All’interno dei gruppi, i membri e gli organizzatori hanno cercato di assicurarsi di aggirare i moderatori e i “troll” di Facebook che avrebbero potuto segnalarli o deriderli.

“In linea con le misure eccezionali che stiamo adottando durante questo periodo di accresciuta tensione, abbiamo rimosso il gruppo” Stop the Steal “, che stava creando eventi del mondo reale”, ha detto Facebook in una nota. “Il gruppo è stato organizzato intorno alla delegittimazione del processo elettorale e abbiamo visto preoccupanti richieste di violenza da parte di alcuni membri del gruppo”.

Facebook ha detto che continuerà a indagare su attività che violano le sue regole e agirà tempestivamente. A partire da giovedì pomeriggio, un gruppo imitatore “Stop the Steal” stava crescendo costantemente, quasi 13.000 membri, e altri erano facilmente ricercabili su Facebook.

All’interno dei gruppi, i membri hanno pubblicato affermazioni infondate di frode degli elettori e proteste organizzate. Gli appelli alla violenza non sono stati immediatamente evidenti, anche se il Center for Countering Digital Hate ha condiviso uno screenshots di un post nel gruppo ora bandito che diceva “Nessuna delle parti cederà. È ora di pulire le armi, è ora di scendere in strada”.

Nel nuovo gruppo, gli amministratori, che creano e moderano i gruppi su Facebook, hanno ammonito le persone a mantenere i post civili e sfogare le frustrazioni senza fare minacce. Hanno scrupolosamente avvertito i membri che avrebbero rimosso tutto ciò che richiedeva violenza e hanno detto che stavano progettando di spostare il gruppo su altre piattaforme meno moderate.

Imran Ahmed, CEO del Center for Countering Digital Hate, che ha fatto pressioni su Facebook per abbattere il gruppo, ha detto che mentre è vero che tutto questo sembra un gioco di whack-a-mole, le talpe stanno lentamente imparando la lezione.

Ma Ahmed ha detto che non dovrebbe essere così difficile convincere Facebook ad agire su un gruppo così numeroso che chiede violenza.

“C’è un problema sistemico con i gruppi di Facebook sfruttati da persone che diffondono disinformazione, odio e incitamento alla violenza”, ha detto “È un problema che conoscono da molto tempo e continuano a non riuscire a intraprendere azioni adeguate. In genere è solo quando viene prestata molta attenzione a qualcosa che agiscono”.

Giovedì pomeriggio, Facebook ha vietato anche l’hashtag #stopthesteal. Ma avrebbe potuto facilmente farlo prima. Il termine e quelli simili sono stati menzionati quasi 120.000 volte su siti Web e piattaforme di social media durante il giorno di martedì, secondo l’analisi della società di media intelligence Zignal Labs.

Sempre giovedì, Twitter ha vietato un account utilizzato dall’ex consigliere di Trump Steve Bannon. Il provocatore di destra, che ha usato il tag warroompandemic, aveva chiesto la decapitazione del dottor Anthony Fauci e del direttore dell’FBI Christopher Wray nel suo talk show.

Giovedì sera, l’account di Bannon era ancora attivo su Facebook, dove la videochiamata per l’esecuzione di Fauci e Wray era stata vista quasi 200.000 volte in dieci ore. Giovedì scorso, Facebook ha dichiarato di aver rimosso i video delle osservazioni di Bannon per aver violato la sua politica sulla violenza e l’incitamento.

Want to comment on? Turn on the discussion