Se stai cercando l'istanza Mastodon di inSicurezzaDigitale puoi cliccare questa barra (mastodon.insicurezzadigitale.com)

L’Albania attribuisce l’attacco informatico all’Iran

L’Albania reagisce politicamente all’attacco informatico subito a luglio e ne attribuisce la responsabilità interamente all’Iran, con il quale oggi chiude i rapporti

Reuters riferisce che l’Albania ha attribuito all’Iran il vasto e dirompente attacco informatico subito il 15 luglio 2022.

“L’indagine approfondita ci ha fornito prove indiscutibili che l’attacco informatico contro il nostro Paese è stato orchestrato e sponsorizzato dalla Repubblica islamica dell’Iran attraverso il coinvolgimento di quattro gruppi che hanno messo in atto l’aggressione”, ha affermato il primo ministro Edi Rama.

L’Albania ha interrotto le relazioni diplomatiche con l’Iran e ha ordinato ai diplomatici iraniani di lasciare il Paese.

Il primo ministro Rama ha riconosciuto la severità della risposta, ma ha affermato che era pienamente giustificata.

“Questa risposta estrema… è del tutto proporzionata alla gravità e al rischio dell’attacco informatico che ha minacciato di paralizzare i servizi pubblici, cancellare i sistemi digitali e violare i registri statali, rubare le comunicazioni elettroniche intranet del governo e suscitare caos e insicurezza nel paese”, ha affermato.

Aggiornamento del 13/09/2022

Prime rivelazioni su possibili responsabili. Hamid Reza Lashgarian, assistente professore presso l’Imam Hossein University di Teheran. Lashgarian è il capo dell’Intelligence Group 13, un sottogruppo di un’unità informatica offensiva.

Persone implicate insieme a Lashgarian: Fatima Zahra Farrokh (sua moglie) e i fratelli Mohammad Hossein Shirinkar e Mohammad Bagher Shirinkar, nonché il loro genero Seyyed Mehdi Hashemi Toghroljerdi.


Il ministro degli Esteri albanese Olta Xhaçka ha annunciato questa mattina la risposta di Tirana a Teheran in un tweet:

“Ad oggi, con una decisione del CoM ha interrotto tutte le relazioni diplomatiche con la Repubblica islamica dell’#Iran. Tutto il personale diplomatico e di altro tipo dell’Ambasciata lascerà il territorio della Repubblica d’Albania entro 24 ore. È una decisione imposta dalle azioni che la nostra indagine ha dimostrato essere alla base del massiccio e non provocato attacco informatico del 15 luglio contro le infrastrutture e i servizi governativi. Siamo fiduciosi che i nostri alleati e partner saranno spalla a spalla con noi nell’affrontare le sfide presenti e possibili future. L’Albania è un membro della NATO e la sua azione ha ricevuto il sostegno di altri membri dell’Alleanza Atlantica”.

Gli Stati Uniti hanno condannato l’attacco informatico iraniano e hanno espresso solidarietà all’Albania. La dichiarazione della Casa Bianca rilasciata dal Consiglio di sicurezza nazionale è abbastanza breve e la si può citare per intero:

“Gli Stati Uniti condannano fermamente l’attacco informatico dell’Iran contro il nostro alleato della NATO, l’Albania. Ci uniamo all’appello del Primo Ministro Rama affinché l’Iran sia ritenuto responsabile di questo incidente informatico senza precedenti. Gli Stati Uniti intraprenderanno ulteriori azioni per ritenere l’Iran responsabile delle azioni che minacciano il sicurezza di un alleato degli Stati Uniti e creare un preoccupante precedente per il cyberspazio.

Per settimane, il governo degli Stati Uniti ha lavorato sul campo a fianco dei partner del settore privato per sostenere gli sforzi dell’Albania per mitigare, riprendersi e indagare sull’attacco informatico del 15 luglio che ha distrutto i dati del governo e interrotto i servizi pubblici del governo. Abbiamo concluso che il Il governo iraniano ha condotto questo attacco informatico sconsiderato e irresponsabile e che è responsabile delle successive operazioni di hack and leak.

La condotta dell’Iran ignora le norme sul comportamento responsabile dello Stato in tempo di pace nel ciberspazio, che include una norma sull’astenersi dal danneggiare le infrastrutture critiche che forniscono servizi al pubblico. L’Albania considera le reti governative interessate come infrastrutture critiche. Attività informatica dannosa da parte di uno Stato che danneggia intenzionalmente le infrastrutture critiche o in altro modo ne pregiudica l’uso e il funzionamento per fornire servizi al pubblico può avere effetti a cascata a livello nazionale, regionale e globale; comportare un rischio elevato di danni alla popolazione; e può portare a escalation e conflitti.

Continueremo a sostenere gli sforzi di riparazione dell’Albania a lungo termine e invitiamo i partner e gli alleati a unirsi a noi nel ritenere responsabili gli attori informatici dannosi e nella costruzione di un futuro digitale sicuro e resiliente”.