Gli hacker diffondono filmati della prigione iraniana

Posted by

Un gruppo di hacker ha fatto trapelare quello che sostiene essere un filmato di sorveglianza girato all’interno di una prigione iraniana dove vengono generalmente incarcerati i prigionieri politici.

Video muti che catturano le terribili condizioni di vita all’interno della prigione Evin di Teheran sono stati condivisi con i media domenica dal gruppo di attivisti informatici Tapandegan (Palpitazioni). Iran International riferisce che il Tapandegan ha ricevuto le immagini da un gruppo di hacker che si fa chiamare Edalat-e Ali (Ali’s Justice).

Il filmato mostra le guardie che picchiano un prigioniero e guardie e prigionieri che combattono tra loro. In un  video, un prigioniero emaciato viene mostrato svenire e cadere a terra prima di essere trascinato su per le scale.

Quello che sembra essere un tentativo di un prigioniero di porre fine alla propria vita è stato catturato dalla CCTV. Il filmato mostra un uomo che rompe uno specchio del bagno e tenta di aprirsi un braccio con uno dei frammenti. 

Si ritiene che le immagini in cui le guardie indossano maschere risalgano alla pandemia di COVID-19. Gran parte dei video riportano un timestamp di quest’anno o del 2020.

La giustizia di Ali afferma di aver violato il sistema di sorveglianza della prigione alcuni mesi fa e rubato centinaia di gigabyte di dati. Il gruppo ha affermato che ora sta esponendo il filmato rubato in concomitanza con l’elezione del presidente iraniano Ebrahim Raisi.

Alcuni dei filmati sembrano catturare un attacco informatico che si svolge nella prigione. Mostra una guardia che osserva mentre un monitor dopo l’altro in una sala di controllo lampeggia in rosso e quindi visualizza il testo “attacco informatico” insieme a un’immagine di scale. Appare quindi il messaggio “La prigione di Evin è una macchia sul turbante nero e sulla barba bianca di Raisi”.

L’Associated Press ha notato che il sistema informatico in uso nella sala di controllo sembrava eseguire Windows 7. Con le patch non più fornite per questo sistema operativo da Microsoft, sarebbe vulnerabile agli attacchi. 

Mentre Edalat-e Ali sembra essere un nuovo gruppo di hacker, Tapandegan è diventato famoso nel 2018 quando ha hackerato i sistemi dell’aeroporto internazionale di Mashhad e pubblicato messaggi e immagini anti-governativi sugli schermi delle informazioni di arrivo e partenza. 

Evin è stato costruito negli anni ’70 e contiene circa 15.000 persone. 

Vuoi commentare? Accendi la discussione