Gli hacker nordcoreani attaccano le aziende farmaceutiche per creare il proprio vaccino anti COVID

Recenti rapporti di intelligence affermano che il Center for Biological Industry Research dell’Università Kim-Il-sung in Corea del Nord sta sviluppando una propria versione del vaccino contro il coronavirus. Gli informatori dicono che questo vaccino è stato sviluppato a partire da informazioni rubate a società farmaceutiche straniere attaccate da un gruppo identificato come Bureau 325.

È difficile determinare esattamente quale tipo di informazioni siano state compromesse, anche se possiamo confermare che il governo nordcoreano ha rubato informazioni riservate“, afferma il rapporto. Gli investigatori ritengono che gli hacker lavorino direttamente per Kim Yo-jong, la sorella di Kim Jong-un.

Sebbene il team di ricercatori nordcoreani afferma che non è chiara l’efficacia di questo vaccino a causa del poco lavoro che è stato fatto, Kim Jong-un sta già chiedendo risultati: “Questo gruppo di hacker ha ottenuto alcuni dettagli tecnici sullo sviluppo del vaccino, tuttavia, la Corea del Nord non ha la capacità di produrre questo vaccino“, dicono gli esperti.

È noto che il governo nordcoreano ha implementato misure severe per impedire al virus di entrare nel suo territorio: “La misura massima è stata quella di isolare l’intero paese e persino di posizionare mine lungo il suo confine“, menzionano i rapporti precedenti. Lo scorso dicembre, l’esercito nordcoreano avrebbe giustiziato un uomo con un plotone di esecuzione dopo aver infranto le restrizioni di quarantena.

Questi non sono gli unici rapporti relativi alla gestione della pandemia in Corea del Nord. Secondo le società di sicurezza informatica, il gruppo di hacker noto come Hidden Cobra stava pianificando una campagna di attacco contro organizzazioni governative in Giappone, Corea del Sud e Stati Uniti. Questi rapporti sono stati confermati dalla Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) statunitense.

Fingendosi reporter sudcoreani, gli autori delle minacce hanno condotto varie interviste con i loro obiettivi di informazioni riservate“, afferma CISA. L’agenzia menziona che gli attori della minaccia hanno invitato i bersagli a un’intervista su Skype sulla questione delle questioni politiche relative alle due Coree e sui negoziati di denuclearizzazione nella penisola coreana.

CISA ha aggiunto che Hidden Cobra ha inviato e-mail con documenti dannosi dopo che i destinatari hanno accettato un’intervista. Quando la data del colloquio si avvicinava, è stata inviata un’altra e-mail per annullare l’intervista.

Vuoi commentare? Accendi la discussione