Il Marketing Multi-Livello diventa truffa, ma perché YouTube non reagisce?

Posted by

Altri social media hanno preso posizione contro i MLM: perché YouTube non l’ha fatto?

Ti sei imbattuto in un video di YouTube in cui qualcuno pubblicizza una “opportunità di business emozionante” di cui puoi far parte al prezzo di soli 5.000 dollari? Ti stanno mostrando la loro borsa Prada nuova di zecca che ora possono permettersi a causa della loro piccola impresa a cui dovresti assolutamente unirti?

Se la risposta è sì a una di queste domande, allora quello YouTuber fa probabilmente parte di uno schema di marketing multilivello (MLM). Il reclutamento è la linfa vitale di queste aziende e non c’è dubbio che siano diventate popolari anche su YouTube.

Il marketing multilivello è una strategia aziendale in cui la stragrande maggioranza dei compensi deriva dal reclutamento di altri (utenti, persone) nella tua rete per vendere prodotti. Nella maggior parte dei casi solo il 5% delle persone (più in alto nella piramide) trae profitto, mentre il resto non riesce a recuperare il proprio investimento originale. Con i social media ormai onnipresenti nella nostra vita quotidiana, è più facile che mai venirne risucchiati.

Sono finiti i giorni in cui i MLM erano costretti a reclutare porta a porta. L’ascesa delle piattaforme di social media ha inaugurato un modo nuovo ed efficace di reclutamento di massa.

“È molto più facile per questi distributori trovare nuove persone a cui unirsi rispetto ai tempi pre-social media delle signore Avon che bussavano alle porte di casa. I MLM hanno utilizzato i social media per evolversi dalle vendite porta a porta a quella che Hattie Rowe chiama “Girlboss Era”. Rowe che gestisce un popolare account anti-MLM su TikTok.

Mentre alcune piattaforme di social media hanno preso una netta posizione contro i MLM, YouTube no. Ciò ha portato l’enorme sito di video a fornire una solida piattaforma per queste aziende che devono acquisire nuovi distributori con una serie di video che pubblicizzano l’opportunità offerta dal loro particolare MLM.

Monat, il popolare MLM per la cura dei capelli, vanta oltre 61.000 iscritti. Nel frattempo, il numero di iscritti al MLM di trucchi Mary Kay è di 134.000. Herbalife, un MLM nutrizionale, ha accumulato oltre 129 milioni di visualizzazioni sui propri video e Amway ha un impressionante 88 milioni di visualizzazioni totali.

Numerose persone hanno persino riferito di aver visto annunci MLM su YouTube mentre guardavano contenuti non correlati.

La politica di YouTube sulle pratiche ingannevoli e spam vieta i videoche fanno promesse esagerate, come affermare che gli spettatori possono arricchirsi rapidamente o che un trattamento miracoloso può curare malattie croniche come il cancro” o “promuovere donazioni in denaro o altri schemi piramidali“.

Diversi video pro-MLM sembrano anche fare “promesse esagerate” che YouTube dice essere bandite, ma gli è comunque consentito uno spazio sulla piattaforma.

Nel video, ” Come fare soldi con MONAT”, la YouTuber Alina Rekshta dice ai suoi spettatori: “Puoi guadagnare da 100 a un paio di 100.000 dollari al mese, quindi il tuo reddito con questa attività è illimitato… L’unica persona che può limitarlo sei te stesso.” 

Tuttavia, nel 2020 il guadagno medio annuo lordo per il 92% dei “partner di mercato” statunitensi di Monat è stato di 0 dollari. Il guadagno medio annuo di quei partner di mercato è stato di 161 dollari.

Mentre i video generano tonnellate di visualizzazioni, i MLM producono vittime reali. La loro prevalenza su YouTube, uno dei siti di social media più popolari al mondo, quasi garantisce che queste vittime sono destinate ad aumentare in futuro.  

Una delle vittime del MLM LuLaRoe, Roberta Blevins, ha condiviso la sua storia nel documentario di Amazon Prime “LuLarich”.

Blevins ha pagato oltre 9.000 dollari per vendere i leggings LuLaRoe con un prezzo di rincaro. All’inizio le piaceva la comunità, le feste e il vivace gruppo Facebook pieno di incoraggiamento. Come i famigerati leggings LuLaRoe, la sua esperienza si è rapidamente deteriorata.

Dopo aver ricevuto pacchi di leggings con strani disegni che ricordavano non tanto i genitali, le sue preoccupazioni sono state prontamente respinte. È stata scoraggiata dal separarsi da LuLaRoe. 

“Ci sono state molte scomuniche, molte molestie, molte persone che mi dicevano che ero pazza, o che dicevano ‘Ti rovinerai la vita andandotene'”, dice Blevins nel documentario. 

Mentre i MLM sono ancora prevalenti su YouTube, altre piattaforme di social media hanno preso posizione netta contro questo modello di business. 

Nel dicembre dello scorso anno, TikTok ha bandito gli MLM dalla loro piattaforma per aver violato la loro politica di “frodi e truffe“. 

La politica è volta a chiarire quali siano i contenuti che un utente dovrebbe definire come “che contribuiscono ulteriormente a proteggere le persone, specialmente coloro che possono essere vulnerabili o inconsapevoli di MLM”, dice un portavoce di TikTok al The Atlantic.

Il successo di questo divieto è discutibile, poiché il contenuto MLM continua a essere preponderante comunque sull’app.  Ma la decisione di TikTok di vietare gli MLM non dovrebbe essere una sorpresa, poiché Internet ha iniziato a prendere coscienza delle tattiche di reclutamento sempre più predatorie utilizzate da queste aziende.

Sebbene gli MLM siano consentiti su YouTube, c’è stato un aumento dei contenuti anti-MLM sui social media. Sulla pagina Reddit R/antiMLM, un utente ha pubblicato un messaggio sulla nonna che è stata presa di mira e ha perso 200 dollari. Queste storie sono sempre più comuni e frequenti.

“I social media consentono loro di prendere di mira in modo specifico determinati dati demografici di persone, spesso coloro che hanno un reddito inferiore o sono vulnerabili”, dice Rowe, la TikToker anti-MLM. 

Anche vari YouTuber anti-MLM sono diventati sempre più popolari. YouTuber come CC Suarez hanno più di 50.000 iscritti, Isabella Lanter ne ha quasi 14.000 e Deanna Mims quasi 18.000.

Mentre c’è un aumento di contenuti anti-MLM, è successo anche il contrario. La pandemia è diventata un’altra opportunità per i MLM di acquisire nuove reclute.

Vox ha riferito che The Young Living Essential Oil Group ha pubblicato: “Se vuoi evitare di lavorare in mezzo a folle di persone e stai cercando un modo per guadagnare soldi da casa ~~ ho un’eccellente opportunità per te!… Evita l’esposizione al Corona Virus e prenditi comunque cura della tua famiglia in un modo così straordinario”. 

Nel frattempo, nell’aprile 2020, proprio quando le persone erano abituate ai blocchi e alle quarantene, la Federal Trade Commission (FTC) ha avvertito che i MLM stavano reclutando con la promessa di denaro extra e chiedendo ai loro follower di spendere i loro sussidi statali per diventare distributori.

Se questo comportamento predatorio non fosse stato sufficiente per violare la politica di YouTube, allora il discutibile record di attività giudiziaria dei MLM avrebbe potuto esserlo. Nel 2016, Herbalife è stata costretta a ristrutturare e pagare un accordo di 200 milioni di dollari alla FTC a causa del modello di business della loro azienda e delle alte promesse. Herbalife e i distributori Herbalife hanno continuato a reclutare su YouTube durante tutto questo periodo di tempo. 

Non è chiaro il motivo per cui YouTube non abbia intrapreso un’azione simile contro i MLM come hanno fatto altre società di social media come TikTok. Ma finché rimangono sulla piattaforma, è solo questione di tempo prima che più persone riferiscano di esserne diventate vittima.

Vuoi commentare? Accendi la discussione