Il phishing di bestseller finisce in carcere USA con Filippo Bernardini

Posted by

Un italiano è stato arrestato mercoledì dalle autorità statunitensi, all’aeroporto internazionale John F. Kennedy di New York, con l’accusa di aver preso parte a un programma pluriennale per ottenere illegalmente centinaia di manoscritti pre-pubblicazione.
Fillippo Bernardini, 29 anni, avrebbe impersonato agenti, editori e altri nell’industria editoriale per ottenere manoscritti di opere inedite, secondo un comunicato stampa del Dipartimento di Giustizia.
Bernardini ha precedentemente lavorato presso Simon & Schuster, una casa editrice con sede a Londra.

Il procuratore degli Stati Uniti Damian Williams ha notato che Filippo Bernardini avrebbe impersonato dirigenti dell’industria editoriale per ottenere che gli autori, incluso un vincitore del Premio Pulitzer, gli inviassero manoscritti pre-pubblicazione a proprio vantaggio.

Michael J. Driscoll, assistente del direttore in carica dell’ufficio di New York dell’FBI, ha affermato che “Mr. Bernardini ha usato la sua conoscenza del settore per convincere gli autori a inviargli i loro libri e testi inediti fingendosi agenti, case editrici e scout letterari”.

Per il successo dell’operazione fraudolenta, iniziata nell’agosto 2016, Bernardini ha utilizzato account di posta elettronica falsi con oltre 160 domini per impersonare agenzie di talenti letterari, case editrici e gruppi di scouting letterari. I falsi domini erano abilmente assimilabili ai nomi delle aziende legittime che si voleva impersonare, secondo l’accusa, e avevano solo piccoli problemi tipografici che sarebbero stati difficili da scoprire per l’utente medio durante una rapida lettura.

Utilizzando account di posta elettronica fasulli, è stato in grado di impersonare personale autentico dell’industria editoriale e richiedere future copie di manoscritti da centinaia di scrittori e personale aziendale dell’editoria.

L’autore del phishing rischia una pena massima di 20 anni di carcere per frode telematica, più altri due anni per furto d’identità aggravato, se venisse condannato. Questi manoscritti prima della pubblicazione sono critici, secondo il Dipartimento di Giustizia, e la loro circolazione illegale può danneggiare seriamente l’economia editoriale. Di conseguenza, le case editrici lavorano duramente per scoprire e prevenire la diffusione di manoscritti rubati prima che vengano pubblicati.

La pirateria può anche danneggiare la reputazione di un autore danneggiando i mercati secondari per il materiale pubblicato, come film e televisione, oltre a diffondere una prima bozza di contenuto scritto mentre è ancora in fase di sviluppo. Margaret Atwood, Sally Rooney ed Ethan Hawke sono stati tra gli autori presi di mira nello sforzo pluriennale di Bernardini per rubare manoscritti inediti, secondo The Guardian.

Vuoi commentare? Accendi la discussione