Internet Explorer, il browser web amore e odio, morirà l’anno prossimo

Posted by

Internet Explorer si avvicina alla fine di una lunga e lenta morte, ha annunciato Microsoft questa settimana.

A 25 anni, il tanto insultato browser web che una volta dominava Internet non poteva trasformare la sua reputazione di opzione di navigazione lenta e difettosa.

Microsoft si è allontanata dal prodotto almeno dal 2015, quando ha introdotto il suo successore, Microsoft Edge (precedentemente noto come Project Spartan). Entro la metà di giugno del prossimo anno, l’app desktop di Internet Explorer verrà finalmente messa a tacere.

Nell’avviso di morte del browser, la società ha affermato che “il futuro di Internet Explorer su Windows 10 è in Microsoft Edge”.

La società afferma che Microsoft Edge è più veloce, più sicuro e compatibile con i primi siti Web di Internet, qualità per la quale il suo predecessore è stato calunniato per mancanza.

Microsoft 365, il pacchetto di app basato su abbonamento dell’azienda, dirà il suo addio al browser questo agosto. La piattaforma di videoconferenza, Microsoft Teams, aveva già sepolto Internet Explorer lo scorso novembre.

Ma all’interno del nuovo browser, il fantasma di Internet Explorer vive ancora per coloro che scelgono di credere: Edge offre una modalità Internet Explorer integrata.

Sebbene possa sembrare strano ai giovani le cui esperienze su Internet non ruotano attorno all’icona blu “e”, Explorer era visto una volta come una parte inarrestabile di un monopolio.

Quando Windows ha introdotto Explorer nel 1995, il suo successo ha ucciso il Netscape Navigator, un tempo leader. Al suo apice nei primi anni 2000, Explorer controllava il 95% del mercato dei browser.

Ma Microsoft non è riuscita a tenere il passo con i concorrenti, perdendo il rispetto tra gli utenti per la sua scarsa sicurezza, le pagine Web pasticciate e la lentezza.

Eppure Explorer ha rifiutato di morire. Microsoft ha cercato di rivitalizzare la sua immagine riconoscendo la cattiva reputazione del browser. Nel 2012, ha lanciato una giocosa campagna pubblicitaria che ha rinominato Explorer come “il browser che amavi odiare”.

In effetti, la sua immagine schifosa è servita come foraggio di meme: un browser troppo lento per caricare la notizia della sua scomparsa, o il miglior browser per scaricarne uno superiore.

In una discussione “Ask Me Anything” del 2014 su Reddit, gli ingegneri Microsoft che hanno lavorato al browser hanno affermato che la società ha discusso di rinominare Explorer per “separarci dalle percezioni negative che non riflettono più il nostro prodotto oggi”.

Ma era troppo tardi: il danno era stato fatto. Gli utenti frustrati erano già accorsi a Firefox di Mozilla e Chrome di Google. Anche nel 2015, Kristina Monllos di AdWeek ha detto che una data di scadenza per il browser in difficoltà era già in ritardo.

Google Chrome è ora il browser principale, detiene una quota del 64% del mercato globale, secondo il tracker del browser StatCounter, mentre gli utenti di Edge si trovano al di sotto del 4%.

Sui social media, le persone che hanno familiarità con Explorer hanno reso omaggio a un browser difettoso. “Internet Explorer è affidabile in modo inaffidabile, che eredità”, ha scritto l’utente di Twitter Adriana Figueroa. Altri erano sorpresi che Explorer stesse ancora lavorando.

La prossima estate, Internet Explorer si unirà ad altri servizi maleducati nel cimitero nostalgico del passato di Internet, seguendo il destino della società Hotmail e della sua famosa mascotte di Windows “Clippy”.

Vuoi commentare? Accendi la discussione