La Cina ruba i dati personali dell’80% degli adulti statunitensi

Posted by

Il governo cinese potrebbe aver rubato dati personali all’80% degli adulti negli Stati Uniti, secondo un rapporto di 60 Minutes andato in onda ieri sulla rete televisiva e radiofonica americana CBS. 

Nel rapporto, l’ex direttore del Centro nazionale di controspionaggio e sicurezza degli Stati Uniti, Bill Evanina, ha avvertito che la RPC sta lavorando attivamente per raccogliere e sfruttare il DNA degli americani e altre informazioni sanitarie.

Evanina ha descritto come la società cinese BGI Group si era avvicinata a sei diversi stati con offerte per costruire e gestire laboratori di test sul coronavirus. L’azienda ha accompagnato le offerte con la promessa di “fare ulteriori donazioni” agli Stati.

Sospettoso dell’offerta e dell’utilizzo dei dati raccolti, l’ex funzionario della sicurezza ha avvertito gli Stati di non accettare la proposta del Gruppo.

“Abbiamo inviato un avviso non solo a tutti gli americani, ma anche a ospedali, associazioni e cliniche”, ha detto Evanina. “Sapendo che BGI è un’azienda cinese, capiamo dove stanno andando questi dati?”

Ha aggiunto: “Le stime attuali sono che all’80% degli adulti americani sono state rubate tutte le loro informazioni di identificazione personale dal Partito Comunista Cinese”. 

Il  rapporto 60 Minutes descriveva la ricerca per ottenere e controllare i dati biologici dell’umanità e, a sua volta, controllare il futuro dell’assistenza sanitaria come la nuova corsa allo spazio. La RPC ha pubblicizzato la sua ambizione di guidare il mondo nella scienza e nella tecnologia del DNA in un manifesto. 

“Hanno qualcosa chiamato Made in China 2025”, ha detto l’ex biochimico diventato agente speciale di supervisione dell’FBI Edward You, “e in queste strategie nazionali, dichiarano assolutamente di voler essere il leader dominante in questa era biologica”. 

L’Agente speciale ha detto che l’America potrebbe presto dipendere dalla Repubblica Popolare Cinese per molto di più dei DPI e delle mascherine. 

“Cosa succede se ci rendiamo conto che tutti i nostri futuri farmaci, i nostri futuri vaccini, la futura assistenza sanitaria dipendono tutti completamente da una fonte straniera?” ribadisce. 

Commentando a Infosecurity Magazine sul rapporto speciale, Dirk Schrader, VP globale di New Net Technologies, ha dichiarato: “Recenti ricerche sulla sicurezza informatica sullo stato della protezione dei dati nel settore sanitario indicano che non vi è alcuna reale necessità che alcun governo straniero utilizzi metodi avanzati di hacking per avere accesso alle informazioni sanitarie personali (PHI) dei cittadini statunitensi. 

“Ad esempio, i dati di radiologia di circa sei milioni di cittadini statunitensi sono stati scoperti non protetti alla fine del 2019, senza alcun miglioramento sostanziale rispetto a quello dell’anno successivo. Inoltre, il più grande fornitore che aveva lasciato i suoi archivi di radiologia collegati a Internet pubblico senza alcuna protezione, è di proprietà di un investitore cinese”.

Vuoi commentare? Accendi la discussione