La Cyber ​​Unit israeliana rimuove il sito di Black Shadow

L’Unità informatica israeliana, parte dell’Ufficio della Procura di Stato, ha guidato la rimozione di un sito Web appartenente al sito di ransomware affiliato all’Iran Black Shadow dopo che ha preso di mira un certo numero di siti Web israeliani, ha riferito Walla giovedì (portale istraeliano).

“La rimozione del sito significa una riduzione importante dell’esposizione di materiali personali pubblicizzati da Black Shadow, un gruppo di hacker affiliato all’Iran che ha operato contro siti israeliani negli ultimi due anni”, afferma il rapporto.

Uno dei recenti obiettivi di Black Shadow è stato il sito di incontri LGBTQ Atraf (all’interno dell’attacco a CyberServe), che è stato oggetto di una richiesta di riscatto, con gli aggressori che hanno fatto trapelare i nomi degli utenti dall’applicazione. In passato, il gruppo ha anche attaccato la compagnia assicurativa israeliana Shirbit.

Il sito che è stato rimosso da Internet offriva database trapelati rubati da Atraf, secondo il rapporto, così come altri database che sono stati trapelati dalla società CyberServe, che faceva da hosting provider per il sito Web di Atraf.

Il canale Telegram, ora non più attivo

La Procura di Stato ha affermato di aver inviato messaggi legali alle società i cui server ospitavano il sito, portando alla sua rimozione.

Dario Fadda

IT & Security blogger per passione. Nel 2003 ho fondato Spcnet.it. Dal 2006 sono membro attivo del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari). Oggi scrivo qui e nella pagina "La Stampa dice" trovate i miei contributi per le testate giornalistiche. Per tutto il resto c'è dariofadda.it che contiene "quasi" tutto di me.

Vuoi commentare? Accendi la discussione

Torna in alto