La disinformazione come strategia di guerra cyber

Parliamo essenzialmente di politica ormai consolidata cinese. La disinformazione è emersa come una delle minacce più critiche per gli Stati asiatici. Poiché gli Stati continuano a proporre soluzioni, c’è ancora un divario persistente tra i vari paesi in termini di capacità di affrontare le campagne di disinformazione. L’Asia ha un ampio vantaggio nell’utilizzo dei social media, a causa dei quali è più vulnerabile alla disinformazione.

Negli ultimi dieci anni, la politica delle nazioni del sud-est asiatico è stata alterata dalla diffusione dell’utilizzo di Internet e dei social media. Ma nel tempo i social media hanno anche aperto il suo lato oscuro come fonte di campagne diffuse che hanno ingarbugliato la filosofia della verità oggettiva.

Ci sono pochi Stati chiave che sono stati al centro di tali campagne di disinformazione. Sono India, Cina, Russia, Taiwan, Corea del Nord e del Sud. Tutti i paesi dichiarati hanno fronti informatici offensivi e difensivi vari ma considerevoli, comprese le pratiche di guerra tra media.

La guerra dei media e la disinformazione sono state fondamentali per l’obiettivo della Cina di ottenere il controllo autoritario nella sua ricerca del dominio globale. Media Warfare include l’uso di tutte le forme di media per modellare la fiducia della comunità e far svanire gli avversari.

L’armeria cinese di Social Media Warfare abbraccia attacchi informatici, intelligenza artificiale e una forma di terrore online e minacce che consiste in troll che aggravano le controversie. La nazione cinese attacca coloro che vengono presi di mira dal PCC, Sock Puppets, che sono account di social media, creati tramite personaggi falsi che supportano l’intenzione e le politiche della Cina.

Negli ultimi 2 anni, la Cina ha condotto una campagna di disinformazione contro canadesi del 2020. Gli esperti canadesi concordano sul fatto che un’operazione propagata formulata a Pechino fosse in corso durante la campagna e che avesse preso di mira principalmente i cinesi-canadesi.

Cina ha anche condotto un’operazione segreta contro Hong Kong e il Coronavirus, utilizzando la diplomazia russa per diffondere messaggi pro-Pechino. Le campagne di propaganda hanno coinvolto account falsi utilizzati per diffondere disinformazione tra gli utenti dei social media.

La Cina ha preso di mira Taiwan per aver sviluppato vettori di attacco utilizzando la disinformazione sui social media. Il professor Kerry K. Gershaneck, autore dell’influente libro “Vincere senza combattere” ha dichiarato a proposito della guerra mediatica cinese nell’intervista a The Sunday guardian che “la guerra mediatica cinese contro Taiwan è ampia, poiché serve efficacemente il terrorismo online, la guerra psicologica, interferenza elettorale, sovversione del sistema educativo, pagamento di opinionisti chiave e coercizione della comunità imprenditoriale. Pechino evade i media attraverso questi ampi fronti per proliferare una vasta gamma di propaganda, disinformazione, disinformazione segreta e notizie false”.

Oltre a condurre le proprie campagne, la Cina ha anche supportato il Pakistan nell’assistenza alla sicurezza informatica e alla guerra informatica. Il National Electronics Complex del Pakistan impegnato nella guerra informatica, ha ricevuto il sostegno cinese, con l’apertura di un laboratorio a spese della Cina, associato al primo. Sostenendo il Pakistan, la Cina aspira a ripristinare la sua immagine a lungo macchiata a livello mondo.

D’altra parte, anche il Pakistan ha aiutato la Cina, con il sovvenzionamento della sua azienda AlphaPro, svolgendo una cronaca pro-Cina. Durante lo scontro nella valle di Galwan, il Pakistan istiga la disinformazione contro l’India, affermando che solo poche milizie cinesi sono rimaste ferite durante lo scontro.

Nell’esaminare l’escalation della propaganda sui social media da parte degli avversari confinanti, anche l’India ha lanciato varie campagne di disinformazione con l’aiuto di agenzie private come Srivastava Group. Ad esempio, l’India è stata smascherata per aver lanciato 750 falsi media, con lo scopo di “disonorare il Pakistan a livello internazionale”.

L’azienda privata indiana, il gruppo Srivastava di proprietà di Ankit Srivastava, è stata sotto i riflettori nel 2020 per aver organizzato una visita di membri di estrema destra del Parlamento europeo nel Kashmir amministrato dall’India che aveva svolto la funzione per quasi 15 anni, destinato a prendere di mira Pakistan e Cina.

Per prevenire la propaganda delle autorità cinesi, Twitter aveva fatto un passo avanti nel 2020 chiudendo decine di migliaia di account che facevano parte di campagne di disinformazione manipolativa gestite dal governo cinese

Tuttavia, la Cina è ancora uno dei principali attori informatici quando si tratta di guerra mediatica. La guerra sui social media ha creato i siti di media controllati dallo stato, poiché è sia una minaccia che la chiave del successo per la Cina dai suoi avversari. Censura notevolmente i social media all’interno del Paese e, più progressivamente a livello globale, per diminuire le minacce interne.

Dario Fadda

IT & Security blogger per passione. Nel 2003 ho fondato Spcnet.it. Dal 2006 sono membro attivo del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari). Oggi scrivo qui e nella pagina "La Stampa dice" trovate i miei contributi per le testate giornalistiche. Per tutto il resto c'è dariofadda.it che contiene "quasi" tutto di me.

Vuoi commentare? Accendi la discussione

Torna in alto