L’agenzia EMA che valuta i vaccini contro il #Covid-19 colpita da un attacco informatico

L’autorità di regolamentazione dei medicinali dell’UE ha dichiarato mercoledì di essere stata vittima di un attacco informatico

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) con sede ad Amsterdam ha affermato che l’incidente era in fase di indagine, ma non ha specificato quando si è verificato o se ci sia una correlazione con il suo lavoro sul Covid-19.

L’EMA è stata oggetto di un attacco informatico. L’agenzia ha avviato rapidamente un’indagine completa, in stretta collaborazione con le forze dell’ordine e altre entità pertinenti“, ha affermato l’EMA in una breve dichiarazione.

L’EMA non può fornire ulteriori dettagli mentre l’indagine è in corso. Ulteriori informazioni saranno rese disponibili a tempo debito.

La squadra anticrimine high-tech della polizia nazionale olandese è stata coinvolta nell’indagine sull’attacco informatico, ma non ha fornito ulteriori informazioni, da quanto riferito dall’agenzia di stampa olandese ANP.

Il ruolo dell’EMA come regolatore dei farmaci per i 27 paesi dell’UE significa che ha accesso ai dati sulla sicurezza e sulla qualità dei medicinali provenienti da sperimentazioni cliniche e test di laboratorio delle aziende che richiedono l’autorizzazione.

L’agenzia ha dichiarato che prenderà una decisione sull’approvazione condizionale per il vaccino Covid-19 di Pfizer / BioNTech in un incontro che si terrà entro il 29 dicembre al più tardi, mentre una sentenza sulla versione di Moderna dovrebbe seguire entro il 12 gennaio.

Esegue anche revisioni dei vaccini sviluppati dall’Università di Oxford-AstraZeneca e da Johnson & Johnson.

– Avvertenze di periodo già note-

La notizia dell’attacco informatico è arrivata il giorno prima che il capo dell’EMA Emer Cooke informasse il Parlamento europeo sul processo di approvazione dei vaccini contro il coronavirus.

Anche l’EMA, che si è trasferita ad Amsterdam da Londra dopo che la Gran Bretagna ha lasciato l’Unione Europea nel gennaio 2019, terrà uno speciale incontro pubblico online per discutere del Covid-19.

C’era stata in tutto questo periodo anche una serie di avvertimenti sull’hacking legati alla pandemia di coronavirus.

La Gran Bretagna ha accusato gli hacker con sede in Russia e collegati al Cremlino a luglio di prendere di mira i laboratori che conducono ricerche sul vaccino contro il coronavirus.

Secondo il Wall Street Journal, i criminali informatici hanno cercato di attaccare diverse aziende farmaceutiche che sviluppano vaccini, tra cui Johnson & Johnson, Novavax, AstraZeneca e laboratori sudcoreani.

Secondo quanto riferito, anche laboratori spagnoli sarebbero stati attaccati da criminali informatici cinesi, secondo quanto riportato dal quotidiano El Pais a settembre.

Microsoft ha sollecitato un giro di vite a novembre sugli attacchi informatici perpetrati da stati e “attori maligni” dopo che una serie di attacchi hanno bloccato le organizzazioni sanitarie che combattono il virus.

IBM ha dichiarato la scorsa settimana di aver scoperto anch’essa una serie di attacchi, di nuovo potenzialmente perpetrati da attori di Stato, contro aziende coinvolte nello sforzo di distribuire il vaccino.

Nel frattempo, non è la prima volta che un organismo internazionale con sede nei Paesi Bassi viene preso di mira dagli hacker.

Le autorità olandesi hanno espulso quattro presunti agenti dei servizi segreti russi nel 2018 dopo un presunto tentativo di violare l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche dell’Aia, utilizzando attrezzature ad hoc nel retro di un’auto parcheggiata in un hotel vicino.

Vuoi commentare? Accendi la discussione