L’America ha perso con l’Afghanistan a causa di WhatsApp?

Posted by

Nel bel mezzo di un conflitto, è difficile trovare una buona analisi. Poiché gli avversari non possono comunicare reciprocamente i loro piani, i piani dipendono molto dai modelli di fatto che circondano la loro esecuzione, e nessuna mente umana può osservare, tanto meno comprendere, i movimenti di tutti i giocatori sul campo di battaglia, il corso di una guerra, non importa quanto meticolosamente pianificato e non importa quanto siano eminentemente accreditati i pianificatori, spesso sfida il piano.

Questo fenomeno è noto come “Nebbia di guerra”, una frase che ha avuto origine dal teorico militare prussiano Carl von Clausewitz nella sua opera magnum, On War:

La guerra è il regno dell’incertezza; tre quarti dei fattori su cui si basa l’azione bellica sono avvolti da una nebbia di maggiore o minore incertezza. Si richiede un giudizio sensibile e discriminante; un’intelligenza abile per fiutare la verità.

Tale intelligence è evidentemente completamente assente negli apparati politici, militari, diplomatici e di “intelligence” degli Stati Uniti. Poco più di un mese fa, il presidente Biden – presumibilmente facendo eco ai consigli che riceveva dalla burocrazia permanente – ha affermato quanto segue:

Quanto fosse sbagliata questa valutazione è ora chiaro a tutti. Una settimana fa, gli Stati Uniti hanno affermato che l’Afghanistan potrebbe resistere ai talebani per 90 giorni. Oggi, i talebani (70.000 uomini) hanno il controllo della capitale, il tanto decantato esercito afghano si è disintegrato e decine di migliaia di afgani – la cui forza collettiva potrebbe fermare i talebani, se solo avesse l’organizzazione per farlo – fuggono in qualsiasi luogo e con ogni mezzo possibile.

Convenzionalmente, gli Stati Uniti hanno fatto tutto bene; ha installato un governo, equipaggiato e addestrato un esercito con una forza lavoro quattro volte superiore a quella dei talebani, un’aeronautica e materiale militare americano di prim’ordine, e anche ora apparentemente sta effettuando sortite contro obiettivi talebani. Eppure ovunque i talebani hanno il controllo, e lo hanno fatto, in molti luoghi, apparentemente senza sparare un colpo.

Sembra che i talebani abbiano provato qualcosa di diverso questa volta. I rapporti sull’open source mostrano che, invece di mettersi in piedi e andare in punta di piedi con l’esercito nazionale afghano, sembrano aver semplicemente chiamato tutti in tutto il paese, invece, dicendo di avere il controllo e che hanno iniziato ad assumere le funzioni di governo:

Vedi questi di giugno:

Oppure di questi giorni:

Il fatto che WhatsApp sia così buono da battere qualsiasi alternativa di comunicazione locale non è nuovo o sconosciuto. Questa storia nel New York Times nel 2019 ha analizzato in dettaglio l’uso della app da parte di entrambi i gruppi di belligeranti:

WhatsApp ha vantaggi unici nella lotta contro i talebani, che si affidano anche all’app per aggiornare i loro superiori e fare il check-in con i loro combattenti. La battaglia è diventata una guerra di piccoli e rapidi guadagni tattici – un distretto qui, un villaggio là – e per questo, i vantaggi dell’app, dicono, superano di gran lunga la potenziale vulnerabilità.

Principalmente, è veloce e flessibile. Le decisioni urgenti su un attacco imminente non devono più attendere che ministri e comandanti raggiungano un centro operativo sicuro. I gruppi WhatsApp sono diventati centri operativi virtuali, con ministri e comandanti che inviano decisioni dalla loro camera da letto, tra una riunione e l’altra o persino da una sala d’attesa di un aeroporto.

Quello che penso non sia stato considerato abbastanza è il grado in cui i messaggi diretti di WhatsApp erano un punto cieco strategico per gli Stati Uniti.

La nebbia di guerra ovviamente rende impossibile sapere cosa sta succedendo sul campo, in questo momento, in Afghanistan, anche per gli osservatori militari e dell’apparato politico DC che lo fanno per vivere. Ricordando, tuttavia, che la strategia di lunga data degli Stati Uniti per paralizzare un avversario inizia con attacchi di decapitazione su radar e infrastrutture di comunicazione, è abbastanza ovvio per chiunque che per quanto riguarda i talebani, ciò non è mai avvenuto. I talebani stanno creando un governo abbastanza rapidamente. La sua propaganda circola su Twitter in bella vista.

I talebani sono quindi liberi, e lo sono stati per un certo numero di anni, di portare la loro battaglia non contro i soldati americani (dove perdono sempre) ma direttamente nei cuori e nelle menti del popolo afghano, il tutto utilizzando americani gratuiti infrastrutture Internet come Facebook e Twitter (dove ora hanno vinto).

WhatsApp è un prodotto americano. Può essere disattivato dal suo padre, Facebook Inc, in qualsiasi momento e per qualsiasi motivo. Il fatto che i talebani siano stati in grado di usarlo del tutto, a parte il fatto che continuano a usarlo per coordinare le loro attività anche ora che la vita dei cittadini americani è messa in pericolo dall’avanzata talebana che viene coordinata su quell’app, suggerisce che l’intelligence militare statunitense non si è mai preoccupata di monitorare i numeri dei talebani e non si è mai preoccupata di chiedere a Facebook di vietarli.

Probabilmente non hanno ancora nemmeno chiesto a Facebook di farlo, a giudicare dal fatto che i talebani continuano ad usare impunemente l’app.

Questo potrebbe spiegare perché l’Afghanistan è crollato così rapidamente.

Il governo afghano è stato costruito, dagli americani, nello stile di uno stato neoliberista occidentale, della fine del XX secolo, con un elettorato credulone e compiacente, in grado di trasmettere efficacemente i suoi messaggi alla sua gente tramite conferenze stampa, dichiarazioni pubbliche accuratamente personalizzate, e articoli di giornale.

Vuoi commentare? Accendi la discussione