Se stai cercando l'istanza Mastodon di inSicurezzaDigitale puoi cliccare questa barra (mastodon.insicurezzadigitale.com)

Le indagini sullo scontro informatico tra Iran e Israele continuano

Un arresto a fronte di indagini su attacco informatico aiutato da spionaggio fisico, fa riemergere la continua lotta ibrida tra Israele e Iran

Il ministero della Giustizia israeliano ha recentemente annunciato di aver condannato a tre anni di carcere un cittadino che lavorava come custode presso la casa del ministro della Difesa Benny Gantz per aver tentato di collaborare con gruppi cyber collegati all’Iran.

Omri Goren Gorokhovsky, un 38enne residente nella città centrale di Lod, lavorava a casa di Gantz a Rosh HaAyin vicino a Tel Aviv.

L’arresto del sospetto è avvenuto nel novembre dello scorso anno con l’accusa di aver tentato di spiare per conto del gruppo di hacker Black Shadow ricevendo e trasmettendo informazioni dalla casa di Gantz agli hacker.

Fonti riferiscono che Gorokhovsky ha patteggiato un accordo con le indagini e si è dichiarato colpevole.

Tuttavia, l’agenzia di sicurezza interna Shin Bet ha dichiarato l’anno scorso che Gorokhovsky non ha mai avuto accesso a “materiali segreti” e, quindi, non è stato in grado di condividere con successo i segreti di stato.

Inoltre, è stato arrestato solo un paio di giorni dopo aver contattato Black Shadow.

Ad aumentare la problematica della situazione c’è il fatto che Gorokhovsky ha una ampia storia criminale con cinque condanne e pene detentive per vari reati, tra cui rapina in banca che, per usare un eufemismo, solleva grandi interrogativi su come sia stato persino assunto per lavorare in casa di uno dei più alti funzionari dello stato israeliani.

Black Shadow è accusato di numerosi attacchi alle infrastrutture israeliane.

Gli hack sono stati a lungo visti alla luce di anni di confronto tra Israele e Iran, inclusi sia attacchi fisici alle navi che influenze offensive nello spazio informativo.

Inoltre bisogna ricordare che Israele è un piccolo paese, ma le sue società di spionaggio informatico hanno un successo eccezionale. Si sono assicurati una posizione cruciale nell’ecosistema globale della sicurezza informatica. Le loro eccezionali capacità di spionaggio informatico fanno sì che altri paesi come Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita e Qatar ecc. investano nelle loro aziende informatiche.