Parlamentari bombardati da quasi tre milioni di attacchi e-mail mensili

I membri del Parlamento britannico (MP) sono stati oggetto di un aumento del 60% anno su anno degli attacchi informatici finora nel 2020

Il think tank ha raccolto le risposte della libertà di informazione (FOI) per rivelare che oltre 22,3 milioni di attacchi informatici sono stati bloccati dal parlamento dal 1° gennaio al 31 agosto 2020.

Si tratta di una media di poco meno di 2,8 milioni di attacchi al mese, quasi un milione in più rispetto alla media mensile di 1,7 milioni rilevata lo scorso anno.

Parliament Street ha affermato che l’aumento potrebbe essere spiegato dalla pandemia e dai tentativi di dirottare le caselle di posta mentre i parlamentari lavorano a distanza e possono essere distratti.

Gli attacchi di phishing sono ancora il modo più semplice per compromettere un’organizzazione, ha affermato Tim Sadler, CEO di Tessian.

“I governi, quindi, devono proteggere i propri dipendenti dagli attacchi di phishing, mettendo in atto soluzioni per rilevare automaticamente le minacce ed educare i dipendenti su minacce come gli attacchi di ingegneria sociale”, ha aggiunto.

In caso contrario, le conseguenze potrebbero essere disastrose, poiché i criminali informatici mettono le mani su dati sensibili e ottengono accesso illegale agli account di posta elettronica dei funzionari. Considera il danno che potrebbe essere causato se un hacker prendesse il controllo dell’account di posta elettronica di un MP.

Eppure, nonostante i rischi, negli ultimi anni il parlamento si è dimostrato abbastanza resistente agli attacchi e-mail. Non c’è stato nulla che possa competere con un incidente del 2017 in cui sospetti hacker statali iraniani hanno forzato un piccolo numero di account e seguito da una campagna vishing.  

All’inizio di quest’anno, un alert su notizie parlamentari inviato ai membri della Camera dei Lord ha avvertito che l’istituzione era sotto attacco “ogni minuto di ogni giorno”.

Durante l’estate è stato pubblicizzato il ruolo di direttore della sicurezza del parlamento.

Per mettere in prospettiva le statistiche FOI, Trend Micro ha bloccato 27,8 miliardi di minacce informatiche nella prima metà del 2020, quasi il 93% delle quali via e-mail.

Vuoi commentare? Accendi la discussione