Perché la tecnologia Deepfake non è limitata solo alla sfera politica

Posted by

Le elezioni presidenziali statunitensi del 2020 hanno nuovamente portato alla luce la minaccia emergente dei deepfake, una preoccupazione espressa anche dal Forum economico mondiale. Prima del giorno delle elezioni, l’organizzazione ha dichiarato che i deepfake potrebbero avere un “impatto senza precedenti su queste elezioni“. A parte i risultati delle elezioni, negli ultimi anni i deepfake si sono infiltrati in ogni aspetto della società, dalla pornografia alla politica. Mentre alcuni sono usati in modi più sinistri di altri, le ramificazioni politiche dei video deepfake sono profondamente preoccupanti. 

Un deepfake oggi utilizza l’intelligenza artificiale per combinare le immagini esistenti per sostituire la somiglianza di qualcuno, replicando fedelmente sia il volto che la voce. In sostanza, un deepfake può impersonare una persona reale, facendo sembrare che dicano parole che non hanno mai nemmeno pronunciato. È preoccupante, il numero di video deepfake online è cresciuto del 330% da luglio 2019 a quasi un totale di 50.000. Sebbene la tecnologia deepfake sia qualcosa di cui, per ora, il pubblico e le aziende potrebbero aver letto solo in altri settori, c’è la possibilità molto reale che i truffatori utilizzino questa tecnologia per il proprio guadagno, portando questa minaccia moderna alle loro porte. .

Disinformazione politica: una norma storica

Prima di esaminare la possibilità che i deepfake si infiltrino in altre aree, dovremmo soffermarci a guardare brevemente alle loro radici nella storia politica. In effetti, per molti anni, politici e leader hanno utilizzato la disinformazione per ingannare e manipolare le masse per un risultato specifico. Se guardiamo indietro al 20° secolo Unione Sovietica sotto Stalin, possiamo vedere che deepfakes sono stati ampiamente utilizzati per disinformare il pubblico. Inoltre, ha creato una “società” che ha lavorato per proteggere la sua facciata arrivando persino ad avere processi falsi, elezioni e sindacati, per supportare la sua stessa politica all’Unione Sovietica fortemente censurata dai media.

In tempi più recenti, tutti ricordiamo l’amministrazione Obama e l’inizio della realizzazione di massa dei deepfake usati per diffondere disinformazione su larga scala. Andando oltre una bufala e rasentando la corruzione, l’uso della tecnologia è stato molto esaminato. Guardando la proliferazione di notizie politiche false oggi sui siti di social media, possiamo vedere parallelismi tra i metodi di Stalin e metodi di inganno più moderni. La differenza ora è che la tecnologia significa che non solo chi è al potere ha accesso alla creazione di questo livello di disinformazione, ma anche il pubblico. I membri ordinari della popolazione con la capacità di utilizzare questa tecnologia potrebbero ora influenzare il voto pubblico attraverso la proliferazione di deepfake sui social media.  

Con le elezioni presidenziali del 2020, c’era la preoccupazione che i deepfake efficaci potessero alterare la percezione del pubblico più della tipica disinformazione. Il timore era che potesse portare alla creazione di false informazioni e influire sul punto di vista del pubblico sulle forze dell’ordine o minare la validità dei risultati delle elezioni.

Le implicazioni più ampie

Oltre all’impatto a lungo termine sul modo in cui operano sulle società, il potenziale per i deepfake va oltre il semplice tentativo di convincere gli individui a credere a determinate opinioni. Possono anche avere ramificazioni monetarie dirette sia per gli individui che per le organizzazioni se ben congegnate da truffatori.

Ovunque ci siano notevoli quantità di capitale, ci si deve anche aspettare più sforzi per truffare il guardiano. Prendiamo come esempio il settore dei servizi finanziari. Le banche memorizzano una grande quantità di dati dei clienti e una violazione di queste informazioni e / o dei loro beni può avere effetti dannosi su tutti i soggetti coinvolti. Quando i dati vengono violati, il consumatore può potenzialmente perdere risorse se i criminali informatici possono accedere ai propri account e prosciugare i propri fondi. Ovviamente il consumatore perde fiducia nell’istituzione ed è improbabile che consigli la banca ad un amico o collega. Ma probabilmente, molto peggio è l’impatto sull’organizzazione stessa. Corrono il rischio di dover restituire i fondi dei clienti, incorrere in sanzioni e perdere la fiducia del pubblico nel loro servizio, il che ha il potenziale per portare alla fine di qualsiasi azienda.

Non c’è da meravigliarsi che le banche e altre organizzazioni siano ora alla ricerca di solide soluzioni di sicurezza informatica per ridurre al minimo la probabilità che si verifichi una violazione. Ad esempio, molte banche richiedono un documento d’identità emesso dal governo e un selfie per stabilire l’identità digitale di una persona durante la creazione di un nuovo account online. Ma è qui che fa la sua comparsa la minaccia della tecnologia deepfake: un criminale potrebbe utilizzare la tecnologia per creare uno spoofing video e aggirare il requisito dei selfie durante la creazione di nuovi account online. 

Armarsi contro la minaccia

I deepfakes continueranno a diventare più avanzati. In effetti, ora i deepfake possono non solo impersonare persone reali, ma anche creare persone completamente uniche che sembrano reali ma in realtà sono completamente fabbricate. Già queste cosiddette “facce false” sono state identificate nelle campagne bot provenienti da Cina e Russia.

Con i deepfake già in grado di aggirare le misure di sicurezza, senza nemmeno pensare ai danni che “volti falsi” potrebbero causare, è chiaro che sono necessarie soluzioni di verifica dell’identità più sofisticate. La risposta è investire in soluzioni che incorporano il rilevamento della personalità in grado di individuare gli attacchi di spoofing.

Il rilevamento della vitalità richiede all’utente di eseguire movimenti oculari, annuire con la testa o ripetere parole o numeri. Ma in alcuni casi, i deepfake possono circumnavigare anche questo aspetto, quindi è importante investire nel rilevamento della vita per assicurarsi che possa distinguere video e selfie reali dai deepfake mascherati da selfie legittimi.

I deepfake stanno diventando sempre più radicati nella nostra società, tanto che potremmo trovarli aggiungerci come amici su Facebook, seguirci su Twitter o parlare su YouTube come membro di un gruppo pubblico. Poiché questa minaccia diventa sempre più prolifica, è fondamentale che le aziende utilizzino il miglior rilevamento della vivacità per proteggerle dalla minaccia di questa tecnologia in rapido progresso.

Vuoi commentare? Accendi la discussione