Rivelate nuove prove che collegano Diavol Ransomware a TrickBot

Posted by

Gli specialisti di IBM X-Force hanno studiato un nuovo campione del ransomware Diavol, che ha dimostrato una chiara connessione tra il malware e gli sviluppatori della botnet TrickBot (questo gruppo di hacker è solitamente chiamato Wizard Spider). Questa è la seconda volta che i ricercatori hanno segnalato un collegamento tra i due malware. I ricercatori Fortinet sono stati i primi a mettere avanti una teoria simile il mese scorso.

Permettetemi di ricordarvi che gli analisti di Fortinet hanno scritto che i payload del ransomware Diavol e Conti distribuiti in diversi sistemi all’inizio di giugno 2021 erano molto simili e avevano molto in comune, dall’utilizzo di operazioni di I/O asincrone durante la crittografia dei file all’utilizzo di parametri quasi identici. Riga di comando per le stesse funzioni (ad esempio, creazione di registri, crittografia di dischi e risorse di rete, scansione della rete).

Tuttavia, gli esperti non sono ancora riusciti a trovare una connessione diretta tra il ransomware Diavol e gli autori di TrickBot, inoltre, hanno scoperto una serie di importanti differenze. Ad esempio, il campione Diavol che hanno studiato non aveva controlli integrati che impedissero l’attivazione del carico utile sui sistemi in Russia e nei paesi della CSI. Inoltre, il malware non ha rubato i dati prima di crittografarli.

Ora gli esperti di IBM X-Force  scrivono di aver trovato una serie di nuove prove che collegano Diavol con gli sviluppatori di TrickBot. A differenza del campione analizzato da Fortinet, che era più recente e “completamente funzionante”, gli esperti di IBM X-Force hanno trovato una versione precedente di malware utilizzata dagli aggressori per i test. Questa versione ha colpito Virus Total il 27 gennaio 2021 e la sua data di compilazione dichiarata è il 5 marzo 2020 (la data di compilazione del campione Fortinet è il 30 aprile 2021).

La vecchia versione di Diavol raccoglieva informazioni di base dal sistema infetto e generava un ID di sistema che aiutava gli aggressori a tenere traccia degli attacchi effettuati dai loro partner ransomware-as-a-service (RaaS).Il formato di questo identificatore includeva nome host, nome utente e versione Sistema compromesso da Windows e GUID. Gli analisti sottolineano che questo formato è quasi identico al formato utilizzato da TrickBot: [hostname] – [username] _W [windows _version].[Guid]. Un modello ID molto simile è stato utilizzato dal malware Anchor DNS, anch’esso associato a TrickBot.

Inoltre, le intestazioni HTTP per l’interazione con il server C&C sono state “configurate per dare la preferenza ai contenuti in lingua russa”, che è anche simile al lavoro degli operatori TrickBot.

È interessante notare che la versione precedente di Diavol ha verificato la lingua del sistema infetto e ha impedito l’attivazione del payload sui sistemi in Russia e nei paesi della CSI. Sebbene questo “fusibile” non fosse presente nella versione più recente studiata da Fortinet, gli esperti di IBM X-Force affermano che era precedentemente nel codice e ora, per qualche motivo, è inattivo nella versione compilata.

“La collaborazione tra i gruppi di criminali informatici, i programmi di affiliazione e il riutilizzo del codice fanno tutti parte della crescente economia dei ransomware. Il codice Diavol può essere definito relativamente nuovo nel campo del cybercrime, è meno noto di Ryuk o Conti, ma probabilmente è legato agli stessi operatori e programmatori blackhat che sono nell’ombra”.

gli esperti di IBM X-Force

Vuoi commentare? Accendi la discussione