Russia blocca Tor, ma non è grave

Posted by

Il sito Web del progetto Tor è diventato non disponibile dopo una chiamata degli sviluppatori per aiutare i russi a “rimanere in contatto”. In precedenza, il governo russo aveva chiesto a Tor di rimuovere le “informazioni vietate”.

In precedenza, gli sviluppatori hanno affermato che dal 1 dicembre di quest’anno alcuni provider Internet in Russia hanno iniziato a bloccare l’accesso a Tor. La Russia è la seconda al mondo per numero di utenti del browser: il loro numero giornaliero supera i 300.000, ovvero circa il 15% di tutti i clienti. A tal proposito, ieri Tor ha chiesto aiuto agli utenti nella lotta al blocco.

Il rapporto afferma che le autorità russe hanno bloccato il sito dopo che il team del progetto nella sua pubblicazione ha esortato gli utenti a creare il maggior numero possibile di nuovi bridge (canali segreti), “in modo che i russi rimangano online”, poiché i bridge standard in Russia sono bloccati.

Alexander Khinshtein, presidente del Comitato della Duma di Stato per la politica dell’informazione, ha commentato il blocco del sito web del progetto Tor.

“Limitare l’accesso a Tor è un’azione volta esclusivamente a combattere il crimine. Negli ultimi anni, il dark web, a cui si riferisce questo browser, è diventato il principale vivaio di tutti i negativi che c’è sul Web: pedopornografia, armi, una vasta gamma di beni illegali, dati personali e account utente rubati, contraffazioni denaro, servizi di hacker, shock e spazzatura”, ha detto.

Servirà davvero?

Bloccare Tor in Russia non aiuterà il governo a limitare l’accesso degli utenti al browser. Ali, l’amministratore del gruppo hacker iraniano Arvin Club, ha condiviso questa opinione in un’intervista a Lenta.ru. Ha notato che iniziative simili sono sorte in altri paesi del mondo, ma non hanno portato a conseguenze gravi.

“Il browser Tor è stato censurato a lungo dal governo iraniano. Tuttavia, gli abitanti del paese lo usano abbastanza attivamente. In risposta, il governo sta cercando di limitare l’uso dei cosiddetti “bridge” (nodi di rete anonimi che svolgono il ruolo di gateway durante la connessione e nascondono l’indirizzo IP reale dell’utente dal provider di servizi Internet, il che rende possibile non associarlo alla Russia)”.

Il blocco del browser ha solo un effetto marginale sul fatto che i residenti del paese lo utilizzino o meno. Inoltre, l’emergere di un nuovo tipo di “ponte” Snowflake, che Tor ha iniziato a supportare nel luglio 2021, rende molto più facile aggirare il blocco.

“Costruire ponti è un imperativo morale per tutti coloro che vogliono aiutare le persone che vivono in paesi con la censura governativa di Internet. E questo è un lavoro molto importante”, ha concluso Ali.

Vuoi commentare? Accendi la discussione