Sono trapelati i dati di mezzo miliardo di utenti di Facebook

Le informazioni personali di mezzo miliardo di utenti di Facebook sono state trapelate online, il rapporto secondo gli esperti della società di cyber-intelligence Hudson Rock.

Il set di dati, che include numeri di telefono, posizioni, date di nascita, ID Facebook, nomi completi e indirizzi e-mail, è stato scoperto su un sito Web utilizzato da hacker. 

Alon Gal, CTO di Hudson Rock, ha affermato che i record sembrano risalire a pochi anni fa e riguardano utenti di 106 paesi. Tra gli utenti interessati ci sono oltre 32 milioni residenti negli Stati Uniti, 11 milioni di residenti nel Regno Unito e 6 milioni di utenti Facebook in India. 

La fuga di dati di Brobdingnagian è stata segnalata per la prima volta da Business Insider il 3 aprile. Interrogato dalla fonte di notizie, un portavoce di Facebook ha collegato l’incidente a una vulnerabilità che da allora è stata corretta.

Parlando alla CNN il 4 aprile, il portavoce di Facebook Andy Stone ha dichiarato: “Si tratta di vecchi dati precedentemente riportati nel 2019. Abbiamo trovato e risolto questo problema nell’agosto 2019”.

Gal ha affermato che l’età dei dati non ha impedito che venissero efficacemente sfruttati da criminali informatici e ladri di identità. 

“I cattivi attori useranno sicuramente le informazioni per l’ingegneria sociale, le truffe, l’hacking e il marketing”, ha affermato Gal su Twitter.

Commentando la fuga di dati, Tim Mackey, principale stratega della sicurezza presso il Synopsys Cybersecurity Research Center (CyRC), ha dichiarato: “Gli aggressori definiscono le regole del loro attacco e operano sempre più come le aziende. Ma proprio come qualsiasi azienda, non c’è niente da dire che anche loro non possano essere hackerati e i loro dati rubati. Quando la risorsa principale sono i dati, quella risorsa sarà preziosa più di te. Se quei dati vengono rubati da un’impresa criminale, quel gruppo criminale potrebbe non proteggere i propri dati e potrebbe essere facilmente derubato più volte”.

Dopo che la società politica Cambridge Analytica ha avuto accesso ai dati appartenenti a ben 87 milioni di utenti di Facebook a loro insaputa o senza il loro consenso, Facebook ha cambiato una funzione di ricerca sfruttata dall’azienda.

Stone ha dichiarato: “Nel 2019, abbiamo rimosso la capacità delle persone di trovare direttamente gli altri utilizzando il loro numero di telefono sia su Facebook che su Instagram, una funzione che poteva essere sfruttata utilizzando un codice software sofisticato, per imitare Facebook e fornire un numero di telefono per trovare gli utenti a cui apparteneva.”

1 thought on “Sono trapelati i dati di mezzo miliardo di utenti di Facebook

Vuoi commentare? Accendi la discussione