Uomo accusato per frode di 11 milioni di dollari in criptovaluta, tramite Steven Seagal


Un uomo della California è stato accusato di frode finanziaria dopo aver presumibilmente ingannato milioni di investitori in criptovaluta e aver utilizzato l’attore Steven Seagal per promuovere una società falsa.

John DeMarr, 55 anni, di Santa Ana, è stato accusato da una denuncia presentata nel distretto orientale di New York. Si dice che abbia cospirato con altri per frodare le vittime di 11,4 milioni di dollari, convincendole a investire in dud company.

La denuncia ha affermato che tra il 2017 e il 2018, DeMarr e altri hanno fatto “dichiarazioni false e fuorvianti” su due società: Start Options e B2G.

Start Options è stata promossa come piattaforma di investimento online che offre servizi di mining, trading e trading di asset digitali di criptovaluta. B2G è stato commercializzato agli investitori come un ecosistema che consentirebbe agli utenti di scambiare token B2G, utilizzare portafogli digitali e scambiare valute digitali e tradizionali “su una piattaforma sicura e completa”.

A quanto pare, agli investitori è stato detto che i loro soldi sarebbero stati trattenuti per un determinato periodo contrattuale, dopo di che avrebbero potuto ritirare i maggiori profitti.

In effetti, i fondi sono stati reindirizzati su conti controllati da DeMarr e altri, che hanno utilizzato i soldi per finanziare sontuosi acquisti di auto sportive di lusso, gioielli e ristrutturazioni alla casa californiana di DeMarr, secondo il Dipartimento di Giustizia (DoJ).

Per attirare l’attenzione degli investitori, si dice che i co-cospiratori abbiano inventato l’approvazione di celebrità per Start Options, tra cui un atleta professionista il cui nome e immagine sono stati usati senza il loro permesso.

Quando si avvicinava la fine di un contratto di Start Options, presumibilmente hanno cercato di persuadere gli investitori a rinnovare i propri conti in un’Initial Coin Offering (ICO) per B2G.

Stranamente, si dice che i truffatori abbiano reclutato Steven Seagal, indicato nel comunicato del DoJ solo come “un attore famoso per i film di arti marziali realizzati negli anni ’80 e ’90”, per promuovere B2G.

Secondo il DoJ, i co-cospiratori hanno affermato falsamente che B2G potrebbe generare un rendimento dell’8000% per gli investitori entro un anno e che Segal ha partecipato all’ICO. Si dice che l’attore abbia abbandonato il progetto nel marzo 2018.

Incredibilmente, DeMarr ha poi inscenato la propria scomparsa per evitare di affrontare l’ira di investitori arrabbiati, secondo la denuncia.

Si dice che abbia incaricato altri a rilasciare dichiarazioni in cui si afferma che era stato aggredito e ora sarebbe disperso in Montenegro. Tuttavia, per tutto il tempo si crede che sia stato in California.

Si dice anche che Seagal si sia contrattualizzato con la FTC l’anno scorso per il suo ruolo nell’ICO.

Vuoi commentare? Accendi la discussione