Cambia solo una vocale ma Apple decide di non sopportare più NSO

Posted by

La rivelazione, alcuni anni fa, che la National Security Agency (NSA) degli Stati Uniti ha condotto una sorveglianza di massa su milioni di americani ha riacceso il dibattito sulla cattiva condotta dei governi e sulla loro violazione dei diritti umani e delle leggi sulla privacy.

Fino a poco tempo, tuttavia, a Israele sono state risparmiate le dovute critiche, non solo per i suoi metodi di spionaggio illegali sui palestinesi, ma anche per essere stato il creatore di molte delle tecnologie che ora vengono pesantemente criticate dai gruppi per i diritti umani in tutto il mondo.

A Gaza, due milioni di palestinesi vivono sotto il blocco israeliano. Sono circondati da mura, recinzioni elettriche, barriere sotterranee, navi della marina e moltitudini di cecchini. Dall’alto, la tannaana, la parola gergale araba che i palestinesi usano per drone senza pilota, osserva e registra tutto. A volte, questi droni armati vengono utilizzati per far esplodere qualsiasi cosa ritenuta sospetta dal punto di vista della “sicurezza” israeliana. Inoltre, ogni palestinese che desideri partire o tornare a Gaza, solo i pochi a cui è concesso tale privilegio, è sottoposto alle più rigorose misure di “sicurezza”, che coinvolgono vari servizi di intelligence del governo e infiniti controlli militari. Questo vale tanto per un bambino palestinese quanto per una donna malata terminale.

Fortunatamente, le notizie sulle pratiche antidemocratiche di Israele stanno diventando sempre più note. L’8 novembre, il Washington Post ha rivelato un’operazione di sorveglianza di massa israeliana, che utilizza la tecnologia “Blue Wolf” per creare un enorme database di tutti i palestinesi.

Questa misura aggiuntiva offre ai soldati la possibilità, utilizzando le proprie macchine fotografiche, di scattare foto del maggior numero possibile di palestinesi e abbinarle “a un database di immagini così ampio che un ex soldato lo ha descritto come il Facebook per i palestinesi segreto dell’esercito”.

Pegasus è un tipo di malware che spia iPhone e dispositivi Android, per estrarre foto, messaggi, email e registrare chiamate. Decine di migliaia di persone in tutto il mondo, molte delle quali sono importanti attivisti, giornalisti, funzionari, dirigenti d’azienda e simili, sono state vittime di questa operazione. Non sorprende che Pegasus sia prodotto dalla società tecnologica israeliana, il gruppo NSO, i cui prodotti sono pesantemente coinvolti nel monitoraggio e nello spionaggio dei palestinesi, come confermato dai difensori della linea di base con sede a Dublino e come riportato dal New York Times l’8 novembre.

Purtroppo, le pratiche illegali e antidemocratiche israeliane sono diventate oggetto di condanna internazionale quando le vittime erano personalità di alto profilo, come il presidente francese Emmanuel Macron e altri. Quando le vittime dello spionaggio, della sorveglianza e della profilazione razziale israeliana erano i palestinesi, la storia sembrava ancora indegna di essere riportata.

Apple ha dichiarato martedì di aver intentato una causa contro la società informatica israeliana NSO Group e la sua società madre OSY Technologies per la sorveglianza e il targeting degli utenti Apple con il suo spyware Pegasus.

“Gli attori sponsorizzati dallo stato come il gruppo NSO spendono milioni di dollari in sofisticate tecnologie di sorveglianza senza un’effettiva responsabilità. Questo deve cambiare”, ha affermato Craig Federighi, vicepresidente senior dell’ingegneria del software, nell’annuncio di Apple.

Tutto questo contemporaneamente alla notizia di lunedì, per la quale la società di valutazione del credito, Moody’s, afferma che la società dietro allo scandalo di hacking globale è a maggior rischio di violare gli accordi sul debito (una possibile insolvenza per 500 milioni di dollari). Le restrizioni alle importazioni statunitensi hanno avvicinato ulteriormente lo scenario di default.

Il 3 novembre, l’amministrazione Joe Biden ha deciso di inserire nella lista nera il gruppo NSO israeliano per aver agito “contrariamente alla sicurezza nazionale o agli interessi di politica estera degli Stati Uniti”. Queste sono tutte misure adeguate, ovviamente, ma non affrontano le continue violazioni israeliane contro il popolo palestinese.

Vuoi commentare? Accendi la discussione