Gli attivisti informatici hanno compromesso un grande hosting russo

Posted by

Il provider di hosting MskHost è stato hackerato da attivisti informatici che volevano “ripulire la Runet da un hoster su larga scala”.

Il 12 settembre, l’infrastruttura IT del provider di hosting MskHost è stata hackerata dagli hacktivist. Dopo l’hack, il provider MskHost ha sospeso il suo lavoro.

Gli hacktivisti responsabili dell’hack di MskHost hanno pubblicato un link sul sito Web del provider che conduce al canale Telegram con un appello degli hacktivisti che spiegano i motivi dell’hack.

L’intera infrastruttura di hosting è stata violata, è stato possibile accedere ai server e ai dati degli utenti e la maggior parte dei server è stata eliminata in modo permanente, afferma la dichiarazione.

Gli hacker hanno trovato più di 100 e-mail non lette con reclami dei clienti nella casella di posta “abusi” del provider.

Gli hacktivisti affermano di essersi ripetutamente lamentati con il provider del posizionamento di siti di phishing, carding, ecc., ma le loro richieste sono state ignorate. Pertanto, gli hacktivisti “insieme ai principali pentester della CSI, sono stati costretti a colpire l’infrastruttura di questo progetto di hosting e a liberare Runet da un hoster su larga scala della plebaglia”.

“Cari clienti che sono stati impegnati nel posizionamento del “chernukha” – tutte le copie dei vostri server, ingressi IP e molto altro, abbiamo già e saremo presto trasferiti alle forze dell’ordine”, hanno affermato gli hacktivisti.

Il canale ufficiale Telegram MskHost riporta che i dipendenti dell’hosting stanno attualmente cercando di salvare i server dei clienti colpiti dall’attacco e recuperare le informazioni cancellate. I dati dei client principali sono già stati ripristinati e continueranno a ripristinare il resto dei client.

MskHost ha spiegato che durante l’hack sono stati rubati i dati personali dei clienti, che i criminali hanno iniziato a investire in accesso aperto. In che modo la società compenserà questa perdita, i rappresentanti dell’host non hanno spiegato. Inoltre, MskHost non ha rivelato se ha fatto domanda alle forze dell’ordine in merito all’hacking e alla fuga di dati personali dei clienti.

Vuoi commentare? Accendi la discussione