Grossa fuga di dati “smaschera” i membri del Partito Comunista Cinese

Si è verificata un’importante fuga di notizie contenente un registro con i dettagli di quasi due milioni di membri del PCC

Fonte: SkyNews Australia.

inSicurezzaDigitale è venuta in possesso di tale dataset e abbiamo estrapolato qualche schermata a titolo esemplificativo per far capire la portata del Leak. Il nostro file è un csv (tra gli altri formati) di 292 MB.

Si è verificata un’importante fuga di notizie contenente un registro con i dettagli di quasi due milioni di membri del PCC – esponendo membri che ora lavorano in tutto il mondo, sollevando anche il coperchio su come opera il partito sotto Xi Jinping, dice Sharri Markson.

La signora Markson ha detto che la fuga di dati è un registro con i dettagli dei membri del Partito Comunista, inclusi i loro nomi, posizione nel partito, data di nascita, numero di carta d’identità nazionale ed etnia.

Si ritiene che sia la prima fuga di notizie di questo tipo al mondo“, ha detto il conduttore di Sky News.

“La cosa sorprendente di questo database non è solo che espone persone che sono membri del partito comunista e che ora vivono e lavorano in tutto il mondo, dall’Australia agli Stati Uniti al Regno Unito”, ha detto la signora Markson.

“Ma è sorprendente perché solleva il coperchio su come opera il partito sotto il presidente e presidente Xi Jinping”.

La signora Markson ha detto che la fuga di notizie dimostra che i rami del partito sono incorporati in alcune delle più grandi aziende del mondo e persino all’interno di agenzie governative.

“I rami del partito comunista sono stati istituiti all’interno delle società occidentali, consentendo l’infiltrazione di quelle società da parte dei membri del PCC – che, se chiamati, rispondono direttamente al partito comunista, al presidente, al presidente stesso”, ha detto. “Insieme ai dettagli di identificazione personale di 1,95 milioni di membri del partito comunista, per lo più da Shanghai, ci sono anche i dettagli di 79.000 rami del partito comunista, molti dei quali all’interno di società”.

La signora Markson ha affermato che la fuga di notizie è una grave violazione della sicurezza che potrebbe mettere in imbarazzo Xi Jinping. “Metterà anche in imbarazzo alcune aziende globali che sembrano non avere alcun piano in atto per proteggere la loro proprietà intellettuale dal furto. Dallo spionaggio economico”, dice.

La sig.ra Markson ha affermato che i dati sono stati estratti da un server di Shanghai da dissidenti cinesi, informatori, nell’aprile 2016, che li hanno utilizzati per scopi di controspionaggio.

“È poi trapelato a metà settembre al gruppo bipartisan internazionale appena formato, l’Alleanza interparlamentare sulla Cina – e quel gruppo è composto da 150 legislatori in tutto il mondo.

È stato quindi fornito a un consorzio internazionale di quattro organizzazioni mediatiche, The Australian, The Sunday Mail nel Regno Unito, De Standaard in Belgio e un editore svedese, per analizzarlo negli ultimi due mesi, ed è quello che abbiamo fatto“.

Vuoi commentare? Accendi la discussione