Hacker ammette di aver rubato gli scatti di nudo delle ragazze del college

Un uomo di New York ha ammesso di aver violato gli account dei social media di studentesse universitarie e di aver rubato fotografie intime per farne commercio online.

Per un periodo di due anni, Nicholas Faber, residente a Rochester, ha compromesso account di dozzine di donne che frequentavano Plattsburgh alla State University of New York (SUNY) per accedere a video e immagini in cui le sue vittime apparivano in stato di intimità. 

Il 25enne non ha commesso i suoi crimini da solo. Faber ha ammesso di aver lavorato con il complice Michael Patrick Fish  dal 2017 al 2019 per hackerare gli account di posta elettronica scolastici delle vittime. Gli uomini hanno quindi utilizzato le informazioni contenute in quegli account di posta elettronica per ottenere l’accesso agli account dei social media delle vittime, inclusi i loro messaggi privati.

Faber e Fish hanno setacciato gli acconti della loro vittima per qualsiasi video e fotografia imbarazzanti e qualsiasi immagine o filmato in cui le vittime apparivano nude. Entrambi gli uomini hanno ammesso di aver rubato queste immagini compromettenti e di averle scambiate online con altre persone. 

Secondo quanto riferito, Fish, che ha anche lui 25 anni,  ha ulteriormente sfruttato le vittime creando e vendendo collage con foto personali delle vittime, immagini sessualmente esplicite e foto di laurea. 

A seguito dei crimini di Fish e Faber, l’università ha dovuto stanziare denaro e personale per identificare gli account che erano stati compromessi, rivedere i registri di accesso a computer e server, reimpostare le password e informare studenti e genitori della violazione della sicurezza.

Faber, che ha ottenuto una laurea presso la SUNY Plattsburgh, laureandosi nel 2017, ieri si è dichiarato colpevole dell’intrusione informatica che ha causato danni e un conteggio di furto di identità aggravato. Ha accettato di pagare 35.430 dollari in restituzione a SUNY Plattsburgh.

Fish, che era uno studente alla SUNY Plattsburgh tra il 2016 e il 2019 e in seguito ha frequentato la Albany Law School, si è dichiarato colpevole il 19 maggio 2020, per pirateria informatica, furto di identità aggravato e reati di pornografia minorile.

Il 29 gennaio 2021, Fish è stato ulteriormente accusato di ostruzione alla giustizia e violazione delle condizioni di rilascio dopo aver presumibilmente presentato sei lettere fraudolente che attestavano il suo buon carattere al giudice distrettuale degli Stati Uniti Mae D’Agostino. 

Tra le persone presumibilmente impersonate da Fish nelle lettere c’erano un prete cattolico, uno dei massimi aiutanti della rappresentante degli Stati Uniti Elise Stefanik e la madre e i nonni dell’imputato.

La sentenza per Fish è prevista per il 19 marzo, mentre Faber dovrebbe essere condannato il 9 giugno.

Vuoi commentare? Accendi la discussione