I Giganti Tech danno il benvenuto a Biden, ma le battaglie incombono

Posted by

La transizione arriva in mezzo a un crescente “colpo tecnologico” mentre i legislatori e i responsabili politici lottano per l’applicazione dell’antitrust, la regolamentazione dei social media, l’immigrazione e altre questioni controverse.

“Le aziende tecnologiche sono soddisfatte del risultato, ma c’è anche qualche trepidazione”, ha affermato Bob O’Donnell, analista di Technalysis Research.

O’Donnell ha affermato che il controllo dei giganti della tecnologia probabilmente continuerà o addirittura si intensificherà a Washington, indipendentemente da quale partito sia al potere.

Darrell West del Centro per l’innovazione tecnologica della Brookings Institution ha affermato che “sia i repubblicani che i democratici si lamentano di come funziona il settore e che ci sarà maggiore supervisione e regolamentazione”.

Ciononostante, Biden è stato elogiato dopo la sua vittoria da leader tecnologici chiave tra cui il fondatore di Amazon Jeff Bezos, il presidente di Microsoft Brad Smith e la numero due di Facebook Sheryl Sandberg.

Molti progressisti hanno spinto per una presa di posizione aggressiva sulle preoccupazioni che le aziende della Silicon Valley siano diventate troppo potenti, portando a una maggiore disuguaglianza economica.

Allo stesso tempo, la campagna Biden ha coltivato legami con personalità tecnologiche attuali ed precedenti; e il vicepresidente eletto Kamala Harris ha legami con il settore, tra cui la sua amica Sandberg di Facebook e suo cognato Tony West, chief legal officer di Uber.

Ecco i problemi tecnici che probabilmente dovranno affrontare l’amministrazione Biden:

– Antitrust –

Potenzialmente la più grande minaccia per il settore è l’antitrust, in particolare l’idea espressa da alcuni Democratici di smantellare le più grandi aziende tecnologiche.

“Aziende come Apple, Google e Facebook avranno tempi più difficili”, ha affermato Patrick Moorhead di Moor Insights & Strategy.

Mentre ci vorrebbe un lungo sforzo per smantellare le grandi aziende, l’amministrazione potrebbe mirare al controllo di Google sulla pubblicità digitale al fine di rendere quel mercato più competitivo, ha affermato Moorhead, o puntare alla commissione del 30% di Apple per il suo App Store online.

Robert Atkinson, presidente della Information Technology and Innovation Foundation, ha detto di aspettarsi “un’enorme pressione” in questo settore perché “l’ala sinistra del Partito Democratico ha fatto dell’antitrust un pilastro centrale della loro agenda”, ma che le rotture sono improbabili a meno che il Congresso non riveda leggi pertinenti.

– Regolamento Internet –

La transizione arriva nel mezzo di un intenso dibattito a Washington sulle normative di Internet, inclusa la responsabilità sui social media e la privacy online.

La più controversa sembra essere la cosiddetta legge della Sezione 230 che protegge i servizi online dalla responsabilità dai contenuti pubblicati da altri. Questo è stato un obiettivo sia da sinistra che da destra, anche se gli attivisti per i diritti digitali avvertono che è la pietra angolare della libertà di parola online.

Biden ha detto che la Sezione 230 dovrebbe essere “revocata” ma non ha offerto dettagli su alcun piano per riformare la legge.

Atkinson ha detto che i commenti di Biden sono “più discorsi sulla campagna che altro” e non si aspetta una spinta aggressiva per abrogare la legge data la sua importanza fondamentale per Internet.

Si prevede che Biden invertirà la rotta dell’amministrazione Trump sostenendo la neutralità della rete, che richiederebbe ai provider di Internet di consentire l’accesso a tutti i servizi senza discriminazioni o commissioni ingiuste.

La sua amministrazione affronterà anche le scelte sulla privacy online e l’accesso delle forze dell’ordine ai contenuti crittografati, principali punti di contesa tra Washington e la Silicon Valley.

Gli assistenti di Biden hanno segnalato il sostegno alla “legislazione sulla privacy in stile europeo” per governare il modo in cui le aziende tecnologiche utilizzano i dati personali, ma probabilmente dovranno affrontare sfide con una maggioranza del Senato repubblicano, secondo Atkinson.

– Immigrazione –

Biden ha segnalato che avrebbe annullato gli ordini di Trump di limitare i visti per i lavoratori qualificati ricercati dalle aziende tecnologiche, una grande vittoria per Big Tech.

“Biden sarà molto meglio per l’immigrazione altamente qualificata e questo è qualcosa che alle aziende tecnologiche piace molto”, ha detto Atkinson.

Moorhead ha detto che il settore tecnologico probabilmente “troverà più facile ottenere dipendenti qualificati dall’estero con meno ostacoli”, ma Biden “deve stare attento a non inquadrarlo in un modo che è un lavoro anti-statunitense”.

– Commercio, Cina –

È probabile che Biden invertirà la mossa di Trump sul “disaccoppiamento” delle economie statunitense e cinese, che sarà un sollievo per i settori tecnologici sempre più intrecciati dei due paesi, ha detto Atkinson.

Ha aggiunto che il team di Biden include “tradizionalisti della politica estera”, che esamineranno i diritti umani e gli interessi strategici insieme ai fattori economici, consentendo ad aziende come Apple di prosperare con operazioni in entrambi i paesi.

Altri hanno notato che Biden potrebbe essere costretto a fare scelte di sicurezza nazionale che potrebbero far arrabbiare Pechino e avere un impatto su aziende come Huawei e TikTok, che sono state prese di mira da Trump.

“La mia sensazione è che Biden continuerà a essere duro con la Cina”, ha detto O’Donnell.

“Si spera che possa farlo in un modo più produttivo. Non possiamo ignorare il fatto che siamo in un’economia globale e che c’è molta dipendenza tra le due nazioni”.

Vuoi commentare? Accendi la discussione