Il giudice britannico nega l’estradizione USA di Assange

Il giudice cita la salute del fondatore di WikiLeaks come motivo per negare l’estradizione

Un giudice britannico questa mattina ha negato una richiesta del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti di estradare il fondatore di WikiLeaks Julian Assange in America per affrontare accuse penali relative all’hacking di computer governativi e alla pubblicazione di informazioni classificate.

Poche ore dopo la sentenza, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha annunciato che farà appello contro la decisione, secondo Associated Press. Nel frattempo, gli avvocati di Assange prevedono di chiedere che il tribunale lo rilasci su cauzione perché il ricorso potrebbe richiedere mesi o addirittura anni.

Assange, 49 anni, è accusato di aver violato lo U.S. Espionage Act e il Computer Fraud and Abuse Act ottenendo e poi pubblicando una serie di documenti classificati presi da diverse agenzie governative americane, tra cui il Dipartimento della Difesa. Il nativo australiano affronta 18 capi d’accusa penali, secondo il Dipartimento di Giustizia (vedi: USA ora accusa Assange di cospirare con gruppi di hacker).

Problemi di salute mentale

Nel pronunciarsi contro la richiesta di estradizione del Dipartimento di Giustizia, il giudice distrettuale Vanessa Baraitser ha scoperto che la salute di Assange avrebbe sofferto se fosse stato trasferito negli Stati Uniti per affrontare accuse penali. Il giudice ha detto che Assange probabilmente si sarebbe suicidato se fosse stato mandato in America.

Trovo che la condizione mentale di Mr. Assange sia tale che sarebbe opprimente estradarlo negli Stati Uniti d’America“, ha scritto Baraitser in una sentenza di 130 pagine rilasciata lunedì.

Nella sua sentenza, tuttavia, Baraitser osserva che i procuratori statunitensi hanno portato avanti il loro caso in “buona fede” e che le pressioni politiche delle amministrazioni Obama e Trump non hanno influito sulle decisioni prese dal Dipartimento di Giustizia per portare avanti il caso penale contro Assange.

Non trovo che la natura delle accuse sia indicativa di motivazioni improprie da parte dei pubblici ministeri, e ritengo pura congettura trarre deduzioni dai tempi di queste accuse o dalla modifica dell’atto d’accusa“, scrive Baraitser nella sua decisione.

Reagendo alla decisione del giudice, l’avvocato statunitense di Assange, Barry Pollack, ha dichiarato: “Lo sforzo degli Stati Uniti di perseguire Julian Assange e chiedere la sua estradizione è stato sconsiderato fin dall’inizio“, secondo AP. “Speriamo che dopo aver preso in considerazione la sentenza del tribunale del Regno Unito, gli Stati Uniti decidano di non perseguire ulteriormente il caso“.

Argomenti relativi alla libertà di stampa

L’udienza per l’estradizione contro Assange è iniziata nel febbraio 2020 ed è proseguita per quasi un anno, a seguito di diversi ritardi dovuti alla pandemia di COVID-19.

Assange è rimasto in custodia nel Regno Unito dopo aver scontato una pena detentiva di 50 settimane per aver violato le condizioni della sua cauzione in un caso separato di violenza sessuale svedese. Per anni, Assange è rimasto nell’ambasciata ecuadoriana a Londra prima che funzionari di quel paese ritirassero la sua protezione in materia di asilo nell’aprile 2019 e la polizia britannica lo trascinasse fuori.

Le accuse in Svezia sono state da allora ritirate, secondo il New York Times.

Assange e i suoi avvocati hanno sostenuto che è un giornalista che ha pubblicato documenti di interesse pubblico e che le attività di WikiLeaks sono protette dal Primo Emendamento. Assange ha negato l’hacking nei computer governativi (vedi: Assange: A Nexus of Media, Hacking and Activism di WikiLeaks).

Durante l’udienza per l’estradizione, gli avvocati di Assange hanno presentato diversi testimoni che hanno testimoniato che la pubblicazione di documenti ha contribuito a esporre la condotta degli Stati Uniti durante le guerre in Iraq e Afghanistan. Daniel Ellsberg, che ha fatto trapelare i Pentagon Papers sulla guerra del Vietnam, ha testimoniato che Assange ha agito nell’interesse pubblico, secondo The Guardian.

Le organizzazioni per i diritti umani hanno addirittura elogiato la decisione del giudice di negare la richiesta di estradizione.

Accuse di hacking

I procuratori statunitensi dipingevano un quadro molto diverso di Assange e delle sue attività.

L’accusa federale sosteneva che Assange cospirava con l’ex analista dell’intelligence dell’esercito Chelsea Manning per decifrare un hash di password per un computer classificato del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti per accedere a documenti classificati.

Manning ha quindi caricato migliaia di documenti classificati nel cloud storage di WikiLeaks all’inizio del 2010, afferma l’accusa. Includevano informazioni sulle guerre in Afghanistan e Iraq, dettagli sui detenuti di Guantanamo Bay e oltre 250.000 cavi del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, secondo precedenti dichiarazioni del Dipartimento di Giustizia.

Manning è stata condannata a 35 anni di carcere federale nel 2013 per aver divulgato i documenti classificati, ma la sua condanna è stata commutata dall’ex presidente Barack Obama all’inizio del 2017.

In un atto d’accusa sostituito non sigillato a giugno, i procuratori statunitensi hanno accusato Assange di aver cospirato anche con gruppi di hacker come Anonymous e LulzSec nel 2012 per ottenere informazioni classificate da pubblicare.

Se una giuria trovasse Assange colpevole di aver violato lo Espionage Act, potrebbe essere in grado di affrontare una pena massima di 10 anni di carcere per ogni conteggio e altri cinque anni per cospirazione per commettere intrusioni informatiche, secondo il Dipartimento di Giustizia.

Assange è stato anche accusato di aver contribuito a interferire durante le elezioni presidenziali statunitensi del 2016 pubblicando email presumibilmente rubate al Comitato Nazionale Democratico da hacker russi che alla fine hanno danneggiato la campagna di Hillary Clinton (vedi: Cohen: Trump era a conoscenza della discarica di email di pianificazione di WikiLeaks).

Possibile perdono?

Nelle ultime settimane, Bloomberg e altre pubblicazioni hanno riferito che il presidente Donald Trump sta valutando la possibilità di concedere la grazia ad Assange, così come a decine di altri.

Nelle ultime settimane, Trump ha graziato diversi ex aiutanti politici, tra cui Paul Manafort, il suo ex manager della campagna elettorale, e il consigliere Roger Stone, che è stato riconosciuto colpevole di aver mentito al Congresso.

Vuoi commentare? Accendi la discussione