Il Regno Unito cancella accidentalmente 150.000 record di arresti

Posted by

Il governo del Regno Unito sta indagando su un problema tecnico che ha portato alla cancellazione accidentale di 150.000 registrazioni di arresti dai database della polizia nazionale. 

Si ritiene che la cancellazione involontaria, segnalata inizialmente da The Times, sia stata causata da un errore umano e da un codice difettoso che ha contrassegnato i file sbagliati per la cancellazione.

Oltre 150.000 registrazioni di impronte digitali, registrazioni del DNA e registrazioni della cronologia degli arresti sono andate perse a causa del problema tecnico. Una fonte ha dichiarato al Times che l’errore potrebbe potenzialmente consentire ai trasgressori di sfuggire alla giustizia poiché le prove biometriche catturate dalle scene del crimine non saranno più contrassegnate sul computer nazionale della polizia (PNC). 

L’errore ha avuto un impatto anche sul sistema dei visti britannico, causando la sospensione del trattamento delle domande per due giorni. 

Fonti hanno riferito al Times che i record sono stati cancellati accidentalmente durante uno degli atti settimanali di eliminazione dei dati noti come sessioni di “diserbo”. 

Il giornale ha riferito che erano svanite “informazioni cruciali sui sospetti” in seguito all’incidente. Tuttavia, il Ministero dell’Interno ha affermato che nessun record di criminali o persone pericolose era stato cancellato e che i dati persi si riferivano a persone che erano state arrestate e poi rilasciate senza accusa.

Il ministro britannico per la polizia Kit Malthouse ha detto che i funzionari “stanno lavorando duramente” per tentare il recupero dei record persi.

Ha detto: “Una rapida revisione ha identificato il problema e corretto il processo in modo che non possa ripetersi. Il Ministero dell’Interno, l’NPCC [Consiglio nazionale dei capi di polizia] e altri partner delle forze dell’ordine stanno lavorando a ritmo sostenuto per recuperare i dati”.

Sebbene la perdita riguardi persone che sono state arrestate e poi rilasciate senza ulteriori azioni, ho chiesto ai funzionari e alla polizia di confermare la loro valutazione iniziale secondo cui non vi è alcuna minaccia per la sicurezza pubblica. Fornirò ulteriori aggiornamenti man mano che concluderemo il nostro lavoro“.

Nick Thomas-Symonds, ministro dell’Interno ombra, ha dichiarato: “Si tratta di una violazione della sicurezza straordinariamente grave che presenta enormi pericoli per la sicurezza pubblica. Non si può permettere che l’incompetenza di questo governo caotico metta a rischio le persone, lasci che i criminali siano liberi e neghi giustizia alle vittime“.

La perdita dei dati segue la rimozione di 40.000 avvisi riguardanti criminali europei dal PNC con l’uscita della Brexit del Regno Unito dall’Unione europea.

Vuoi commentare? Accendi la discussione