Italiano arrestato dopo aver presumibilmente pagato l’assassino per l’omicidio dell’ex fidanzata

Posted by

L’Europol ha rivelato l’arresto di un cittadino italiano sospettato di aver pagato per un sicario tramite un sito dark web dedicato.

Il sospetto senza nome avrebbe pagato 10.000 euro in Bitcoin per far uccidere la sua ex ragazza. Hanno visitato un sito web ospitato sulla rete TOR che pubblicizzava servizi di assassinio.

Europol ha affermato che il suo European Cybercrime Centre (EC3) e la Joint Cybercrime Action Taskforce (J-CAT) hanno assistito la Polizia Postale e delle Comunicazioni italiana nell’operazione.

Nello specifico, è stato in grado di effettuare “analisi crittografiche urgenti e complesse” che hanno smascherato l’identità del fornitore di servizi di criptovaluta utilizzato dal sospettato. La polizia italiana ha quindi contattato il fornitore per richiedere ulteriori dettagli sull’individuo.

Si dice che la velocità con cui si è svolta questa fase dell’indagine abbia salvato la vita del bersaglio.

Secondo un rapporto dell’Europol di febbraio, l’uso della violenza da parte dei gruppi della criminalità organizzata è aumentato negli ultimi anni, con bande sempre più disposte a dispiegare violenza mortale.

Ha affermato che una crescente prevalenza di sicari più giovani e inesperti sta riducendo il costo degli omicidi a contratto in tutta la regione.

I costi ora variano tra € 10.000 e € 100.000 a seconda del paese.

“Gli assassini assoldati rimangono spesso sotto il radar in quanto non fanno parte del gruppo criminale organizzato”, aggiunge il rapporto.

L’uso di siti dark web per pubblicizzare i servizi di killer su commissione non è una novità, ma gli arresti sono pochi e rari.

Nell’agosto 2020, un uomo del New Jersey è stato accusato di aver pagato un sicario circa $ 20.000 in Bitcoin per uccidere un quattordicenne con il quale aveva scambiato immagini sessualmente esplicite.

Tuttavia, quel complotto è stato scoperto dopo che l’individuo era già stato arrestato e accusato di altri reati. In questo caso, sembra che il sito di omicidi a pagamento che ha usato sia stato creato per estorcere “clienti”.

Vuoi commentare? Accendi la discussione