La polizia fa irruzione a casa dell’informatrice di dati COVID-19 e sequestra i computer

Posted by

Otto mesi fa, Deborah Birx della Task Force contro il Coronavirus della Casa Bianca ha elogiato la dashboard COVID-19 della Florida come un esempio del “tipo di conoscenza e potere che dobbiamo mettere nelle mani del popolo americano“. Quella dashboard è stata costruita da Rebekah Jones.

Ma a maggio, Jones è stata licenziata dal Dipartimento della Salute della Florida per aver rifiutato di manipolare quei dati per giustificare la riapertura dello stato – e ora, la polizia dello stato della Florida ha fatto irruzione nella sua casa e ha preso l’attrezzatura che stava usando per mantenere un nuovo tracker COVID indipendente tutto suo.

Jones ha pubblicato una serie di tweet sull’incidente, incluso un video dell’ingresso della polizia, con le pistole estratte.

https://twitter.com/GeoRebekah/status/1336065787900145665?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1336065787900145665%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.theverge.com%2F2020%2F12%2F7%2F22160181%2Frebekah-jones-raid-seizure-search-warrant-covid-19-whistleblower-florida

Il Dipartimento per le forze dell’ordine della Florida (FDLE) ha confermato al Miami Heraldal Democratico di Tallahassee che la polizia aveva un mandato di perquisizione e poteva sequestrare la sua attrezzatura. Ecco la dichiarazione completa del dipartimento fornita a The Verge:

“Questa mattina FDLE ha eseguito un mandato di perquisizione in una residenza su Centreville Court a Tallahassee, la casa di Rebekah Jones.  FDLE ha avviato un’indagine il 10 novembre 2020 dopo aver ricevuto un reclamo dal Dipartimento della Salute relativo all’accesso non autorizzato a un sistema di messaggistica del Dipartimento della Salute che fa parte di un sistema di allarme di emergenza, da utilizzare solo per le emergenze.  Gli agenti ritengono che qualcuno nella residenza del tribunale di Centerville abbia avuto accesso illegale al sistema. Quando gli agenti sono arrivati, hanno bussato alla porta e hanno chiamato la signora Jones nel tentativo di ridurre al minimo i disagi per la famiglia.  La signora Jones si è rifiutata di venire alla porta per 20 minuti e ha riattaccato agli agenti.  Dopo diversi tentativi e notifiche verbali mentre gli agenti delle forze dell’ordine erano lì per eseguire un mandato di perquisizione legale, la signora Jones alla fine è arrivata alla porta e ha permesso agli agenti di entrare.  La famiglia della signora Jones era al piano di sopra quando gli agenti sono entrati in casa.”

Come riportato il mese scorso dal Tampa Bay Times, qualcuno ha misteriosamente inviato un messaggio non autorizzato al team di emergenza sanitaria pubblica e di coordinamento medico dello Stato, leggendo “parla prima che altre 17.000 persone siano morte. Sai che questo è sbagliato. Non devi farne parte. Essere un eroe. Parla prima che sia troppo tardi.”

Secondo una dichiarazione giurata fornitaci dalla FDLE, le forze dell’ordine ritengono che Jones o qualcuno al suo indirizzo sia stato colui che l’ha inviata. L’FDLE afferma che il messaggio è stato inviato da un IP Comcast associato al suo indirizzo di casa e al suo indirizzo e-mail, e chiede il permesso di sequestrare e perquisire tutte le apparecchiature informatiche che la polizia possa trovare.

Anche se il mese scorso è stato suggerito che il sistema potrebbe essere stato violato, a quanto pare non aveva comunque una sicurezza particolarmente forte: la perizia dice che tutti gli utenti registrati condividevano lo stesso nome utente e password.

Jones non ha commentato quando è stata intervistata, ma su Twitter dice che sta acquistando un nuovo computer e continuerà ad aggiornare il suo nuovo sito web.

Vuoi commentare? Accendi la discussione