L’arresto del gruppo REvil potrebbe creare problemi alle società nazionali russe

La detenzione di un gruppo di hacker REvil può non solo creare difficoltà temporanee per i criminali informatici in Russia, ma anche influire negativamente sul benessere delle società nazionali, affermano gli esperti dell’IB Group.

Secondo Oleg Skulkin, capo del laboratorio di informatica forense di IB Group, molti hacker di lingua russa non hanno precedentemente attaccato aziende in Russia e nella CSI, perché non era sicuro per loro farlo. Tuttavia, negli ultimi due anni, anche qui sono aumentati gli attacchi ransomware. La detenzione di REvil può solo stimolarli, perché dopo operazioni estere riuscite possono dimenticare i taciti divieti.

Skulkin ha osservato che la situazione attuale potrebbe avere un impatto negativo sulle società russe: i criminali informatici di lingua russa potrebbero attaccarle più attivamente, senza badare al target.

In precedenza, un tribunale di Mosca ha arrestato otto presunti membri del gruppo criminale REvil, che ha guadagnato notorietà in Occidente dopo essere stato accusato di un attacco informatico su larga scala alle società americane. Il motivo della loro detenzione in Russia è stata una risposta al recente appello degli Stati Uniti, sulla richiesta di collaborazione in campo cyber security.

Dario Fadda

IT & Security blogger per passione. Nel 2003 ho fondato Spcnet.it. Dal 2006 sono membro attivo del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari). Oggi scrivo qui e nella pagina "La Stampa dice" trovate i miei contributi per le testate giornalistiche. Per tutto il resto c'è dariofadda.it che contiene "quasi" tutto di me.

Vuoi commentare? Accendi la discussione

Torna in alto