L’azienda biotecnologica Miltenyi Biotec rivela attacco di malware

La società internazionale di biotecnologie Miltenyi Biotec afferma di essersi completamente ripresa da un attacco di malware che ha colpito parti della sua rete nelle ultime due settimane.

L’azienda con sede a Colonia, in Germania, fornisce soluzioni per la ricerca cellulare e terapeutica, compresi i prodotti correlati a COVID-19. Ha strutture in 28 paesi e impiega più di 3.000 persone.

In una dichiarazione ufficiale, Miltenyi Biotec ha annunciato di aver subito attacchi di malware nelle ultime due settimane che hanno influito su alcune delle sue capacità di elaborazione degli ordini.

“Durante le ultime due settimane, si sono verificati casi isolati in cui l’elaborazione degli ordini è stata compromessa da malware in parti della nostra infrastruttura IT globale”, afferma la società.

Il fornitore di biotecnologie rileva inoltre di aver preso tutte le misure necessarie per contenere l’incidente e garantisce che i sistemi interessati siano stati ripristinati.

Inoltre, sottolinea di non essere a conoscenza di clienti o partner interessati dall’attacco malware.

“A partire da questo momento, i nostri processi operativi sono stati completamente ripristinati. In caso di ritardi con i tuoi ordini, ti chiediamo di pazientare ancora per un po’ e di metterti in contatto con noi in casi urgenti”, afferma Miltenyi Biotec.

La società non ha fornito ulteriori informazioni sulla natura dell’attacco, ma sembra che la banda di ransomware Mount Locker potrebbe essere stata la vera responsabile – hanno rivendicato la responsabilità dell’attacco all’inizio di questo mese.

Secondo Bleeping Computer, l’hacker sembra aver rubato dati all’azienda biotech e ne ha già divulgati alcuni. La banda afferma di aver rubato più di 1 GB di documenti da Miltenyi Biotec.

Il furto di dati non è una sorpresa, poiché numerosi operatori di ransomware hanno iniziato a utilizzare la tecnica per invogliare le vittime a pagare il riscatto minacciando di rendere pubbliche le informazioni rubate.

Vuoi commentare? Accendi la discussione