ProtonMail fornisce dati utente che hanno portato a un arresto

Posted by

Oggi esistono numerosi servizi Internet che pubblicizzano una protezione assoluta contro hacker e agenzie governative, come Signal for Mail. Dopo il controverso arresto di Lavabit , ProtonMail si è affermato come il servizio di messaggistica pubblicizzato preferito dagli utenti attenti alla privacy , in particolare quelli con segreti da mantenere.

Tuttavia, a volte questi segreti possono andare contro le leggi di alcuni paesi, portando spesso i fornitori di servizi di posta elettronica a rilasciare dati in grado di identificare gli utenti oggetto di indagine. Sebbene ProtonMail abbia pubblicizzato la privacy e la sicurezza contro tali azioni, apparentemente è stata costretta a cedere a queste richieste legali, il che ha portato all’arresto di attivisti per il cambiamento climatico in Francia.

Questa situazione legale piuttosto caotica ruota attorno ad alcuni membri del movimento verde Youth For Climate, accusati di aver istituito occupazioni di “campi climatici” nel 2020 e nel 2021. Sebbene questi incidenti siano avvenuti a Parigi, l’indagine ha rivelato che alcuni attivisti stavano usando ProtonMail per comunicare le proprie attività. Il governo svizzero ha quindi ordinato al servizio di posta elettronica di fornirgli gli indirizzi IP dei suddetti utenti, cosa che ha portato al loro arresto.

Ciò potrebbe scioccare le persone che tradizionalmente vedono la Svizzera come un baluardo della privacy e dell’autonomia dalle potenze straniere, ma la realtà potrebbe non corrispondere più a questa immagine. Oltre alle nuove leggi che aggiungono un livello di supervisione alle entità con sede nel paese, la Svizzera deve anche comportarsi correttamente con altre nazioni sovrane. Mentre i tribunali svizzeri tendono a respingere le richieste di dati da governi stranieri, questo è un caso in cui hanno accettato le richieste di Europol.

Una situazione delicata…

Naturalmente, ProtonMail è stata legalmente obbligata a consegnare quei dati, ma non è riuscita a farla franca senza attirare l’ira del web. Le è stato chiesto perché possiede gli indirizzi IP degli utenti quando annuncia che non registra gli indirizzi IP per impostazione predefinita. Andy Yen, fondatore e CEO di ProtonMail, spiega che l’azienda ha iniziato a registrare gli indirizzi IP di alcuni utenti solo dopo essere stata legalmente obbligata a farlo dalle autorità svizzere.

Gli utenti di Internet continuano a opporsi al marketing di ProtonMail, che nasconde le sottigliezze legali delle sue attività di registrazione sulla sua homepage. Da un lato, ProtonMail non è realmente esente dalle leggi svizzere, sebbene prometta di continuare a lottare contro le richieste di dati il ​​più possibile. D’altra parte, probabilmente ha bisogno di chiarire i dettagli dei suoi termini sulla privacy, specialmente per gli abbonati a pagamento che si aspettavano di più da ProtonMail.

Vuoi commentare? Accendi la discussione