WhatsApp cancellerà il tuo account se non accetti la condivisione dei dati con Facebook

Anche se è tutto legalese, lungo e farraginoso, forse stavolta conviene leggerlo per accettare consapevolmente.

Il rispetto per la tua privacy è codificato nel nostro DNA“, citazione che apre il piano sulla privacy di WhatsApp. “Considerando che abbiamo avviato WhatsApp, abbiamo aspirato a rendere i nostri prodotti e servizi con una serie di solide regole sulla privacy consapevole.”

Ma apparirà l’8 febbraio 2021, questa affermazione di apertura non incontrerà più una posizione all’interno del piano.

I servizi di messaggistica di proprietà di Fb stanno avvisando i clienti in India di un aggiornamento delle sue opzioni di assistenza e copertura della privacy che si prevede entrerà in funzione nel successivo periodo di trenta giorni.

Parte dall’India, ma investe la distribuzione globale dell’app. Ovviamente personalizzato per ogni stato o configurazione di stati. Vi raccontiamo come funziona questo upgrade della privacy.

Gli “aggiornamenti vitali” riguardano il modo in cui elabora la conoscenza delle persone, “come le organizzazioni possono utilizzare i prodotti e i servizi ospitati da Facebook per archiviare e gestire le loro chat WhatsApp” e “come collaboriamo con Fb per fornire integrazioni in tutti i beni aziendali di Fb“.

Le persone che non aderiscono alle condizioni modificate entro il giorno limite vedranno i loro account cancellati, conseguenza menzionata nella notifica.

Le condizioni dei servizi di WhatsApp erano valide per l’ultima volta il 28 gennaio 2020, sebbene la sua attuale copertura della privacy sia stata applicata il 20 luglio 2020.

Fb Business Solutions si riferisce alla famiglia di aziende del gigante dei social media, come la sua app Fb di punta, Messenger, Instagram, Boomerang, Thread, unità con marchio Portal, visori Oculus VR (se si registra un account Fb), Facebook Outlets, Spark AR Studio, Viewers Network e NPE Staff.

Detto questo, non coinvolgerà Workplace, Totally free Principles, Messenger Young e Oculus Goods che sono legati agli account Oculus.

Cosa viene modificato nella politica sulla privacy?

Nel suo piano aggiornato, l’organizzazione ha ampliato la parte “Informazioni e fatti che si presentano” con dettagli sul conto di pagamento e le informazioni sulle transazioni raccolte durante gli acquisti prodotti utilizzando la app e ha modificato il segmento “Imprese affiliate” con un nuovo “Come lavoriamo con le altre aziende Facebook” che approfondisce come sfruttare e condividere le informazioni raccolte da WhatsApp con altri elementi Fb o terze parti.

Ciò comprende l’approvazione di sicurezza, protezione e integrità, l’offerta di integrazioni di Portal e Facebook Pay back e, in passato, ma non meno importante, “il miglioramento delle loro aziende e dei tuoi incontri facendone uso, questo tipo di creazione di idee per te (ad esempio, di buoni amici o contatti di team, o di contenuto scritto interessante), personalizzando opzioni e articoli, incoraggiandoti a completare gli acquisti e le transazioni e dimostrando le caratteristiche e gli annunci pertinenti in tutte le Facebook Firm Solutions“.

Una parte a cui è stata assegnata una riscrittura chiave è “Fatti raccolti istantaneamente“, che comprende “Informazioni e fatti sull’utilizzo e il registro“, “Dettagli su dispositivo e collegamento” e “Dati sulla posizione“.

“Otteniamo informazioni sul tuo operato tramite i nostri servizi Expert, come i dettagli di funzionalità, diagnostica e collegati all’azienda. Ciò implica fatti sul tuo lavoro (che includono il modo in cui utilizzi i nostri Prodotti e servizi, le configurazioni dei tuoi Servizi, il modo in cui interagisci con altre persone che utilizzano le nostre Aziende (come quando interagisci con un’azienda) e l’ora, la frequenza e il periodo del tuo utilizzo e interazioni), informazioni di registro e registri e rapporti di diagnostica, arresti anomali, sito Web ed efficacia. Questo contiene anche dati su quando ti sei registrato per utilizzare i nostri Servizi, le funzionalità che utilizzi come i nostri messaggi, contatti, Standing, team (che include identificazione del gruppo, fotografia del team, descrizione del team), pagamenti o foto del profilo degli attributi di piccole imprese, informazioni “about” indipendentemente dal fatto che tu sia online,

Per quanto riguarda la macchina e le informazioni sulla relazione, WhatsApp ha specificato le parti di informazioni che raccoglie: progettazione dei componenti, informazioni sul sistema funzionante, durata della batteria, energia del segnale, modello dell’applicazione, dettagli del browser, rete mobile, informazioni sulla connessione (come la selezione del telefono, operatore di telefonia mobile o ISP), lingua e fuso orario, handle IP, dettagli sulle operazioni dei gadget e identificatori (che includono identificatori distintivi di Facebook Organization Solutions affiliato con lo stesso dispositivo o account).

Anche se non utilizzi le nostre caratteristiche di connessione alla posizione, utilizziamo indirizzi IP e altre informazioni come i codici regionali dell’intervallo telefonico per stimare la tua posizione di base (ad esempio, città e nazione)“, si legge nel piano aggiornato di WhatsApp.

Preoccupazioni per la selezione dei metadati

Sebbene WhatsApp sia crittografato end to end, la sua politica sulla privacy offre una panoramica della portata e della prosperità dei metadati accumulata in questo fascicolo di aggiornamento e supporto dei servizi. Ancora peggio, tutti questi dettagli sono collegati all’identificazione di un utente.

La risposta di Apple a questo assortimento di metadati non controllato sono le etichette sulla privacy, ora risiedono per app di prime e terze parti distribuite tramite l’App Retailer, che intendono consentire agli acquirenti di comprendere meglio i metodi di privacy di un’app e “padroneggiare alcune delle conoscenze tipi che un’applicazione potrebbe benissimo raccogliere e indipendentemente dal fatto che tale conoscenza sia collegata ad essi o utilizzata per tenerne traccia“.

L’implementazione ha spinto WhatsApp a rilasciare una dichiarazione il mese scorso. “Dovremo raccogliere alcune informazioni e fatti per presentare un servizio di comunicazione globale responsabile“, ha spiegato, tra cui “riduciamo i gruppi di dati che acquisiamo” e “scegliamo misure per limitare l’ottenimento di tali dettagli“.

In netta distinzione, Sign non raccoglie metadati, mentre iMessage di Apple aiuta a utilizzare solo l’handle di posta elettronica (o una varietà di telefono), la ricerca nel passato storico e un ID di sistema per attribuire una persona in modo univoco.

Non si può certo negare che le linee guida sulla privacy e i termini degli accordi con i fornitori sono in genere lunghi, noiosi e impantanati in un ottuso legalese come se fossero deliberatamente realizzati con l’intenzione di confondere i clienti. Ma aggiornamenti come questo sono il motivo per cui può essere importante leggerli come sostituto del consenso cieco senza la necessità di riconoscere veramente ciò per cui ti stai iscrivendo. Dopo tutto, sono i tuoi dati.

Fonte: TheHackerNews.

Vuoi commentare? Accendi la discussione