Anonymous pubblica 180 GB di dati da un provider di hosting di estrema destra

Posted by

Secondo gli attivisti informatici, i dati consentono di rintracciare i leader del “lato fascista di Internet”.

Gli hacktivisti di Anonymous hanno segnalato il furto di quasi duecento gigabyte di dati dal registrar di domini Epik. L’elenco dei clienti dell’azienda include siti radicali di destra, tra cui Texas GOP, Gab, Parler, 8chan, ecc. I dati rubati sono stati pubblicati sotto forma di file torrent e pubblicati anche sul sito Distributed Denial of Secrets (DDoSecrets).

Il set di dati, che ammonta a 180 GB, contiene i dati dei clienti Epik degli ultimi dieci anni, ha affermato Anonymous. Gli hacktivisti hanno affermato che il set di dati contiene “tutto il necessario per tracciare i veri proprietari e leader della parte fascista di Internet”.

Epik è un registrar di domini e un fornitore di servizi noto per fornire servizi a organizzazioni di estrema destra che sono state abbandonate da fornitori di servizi più popolari a causa di contenuti controversi e talvolta illegali pubblicati da queste organizzazioni.

Tra i dati rubati ci sono vari database SQL contenenti i record dei clienti associati a ciascun nome di dominio ospitato da Epik.

Secondo la stessa Epik, la società non è a conoscenza di una possibile violazione dei dati ed è attualmente sotto inchiesta.

Anonymous ha anche modificato la knowledge base di Epik per ridicolizzare tutte le smentite dell’azienda.

“Il 13 settembre 2021, un gruppo di ragazzi che si fanno chiamare Anonymous, di cui non avevamo mai sentito parlare, ha detto che sono riusciti a ottenere, ehm… in generale, a dire il vero, tutti i nostri dati e pubblicarli. Hanno affermato che questo include tutti i dati dell’utente. In generale, tutto. Tutti i nomi utente, le password, gli indirizzi e-mail, le chiamate di supporto che compromettono ogni servizio anonimo che abbiamo. Naturalmente, questo non è vero. Non siamo abbastanza stupidi da permettere che ciò accada”, afferma la knowledge base modificata di Epik, già rimossa dall’azienda, ma archiviata.

C’è una dichiarazione sarcastica alla fine della pagina della knowledge base: “L’abbiamo scritto tutto noi stessi, e questo non fa parte dell’account hackerato”.

Vuoi commentare? Accendi la discussione