Donna accusata di aver assoldato omicida per i genitori, il dark web come marketplace

Una donna di 27 anni accusata di aver usato il dark web per trovare un sicario al fine di uccidere i suoi genitori è stata ora rinviata a giudizio

Le autorità australiane hanno annunciato che sono state presentate diverse accuse per premeditazione di omicidio contro una donna accusata di aver assunto un sicario tramite il dark web, progettando di uccidere i suoi genitori. L’imputata si è dichiarato non colpevole anche nell’ultima udienza e il processo si concluderà tra pochi giorni.

Il dark web per ingaggiare assassini a noleggio

L’indagine è iniziata alla fine del 2020, quando una giornalista ha contattato la polizia locale della capitale australiana per denunciare una premeditazione di omicidio. L’informatrice ha fornito alle autorità prove che la donna con sede a Canberra ha accettato di pagare 20.000 dollari australiani in cambio dell’omicidio di due persone.

La giornalista ha anche mostrato che l’imputata ha trasferito 15.000 dollari dal conto bancario dei suoi genitori a un nuovo conto, ritirando in seguito 6.000 dollari che ha inviato al presunto sicario in una transazione Bitcoin attraverso la piattaforma dark web nota come “The Sinaloa Cartel Marketplace”.

“Disposta a pagare 20.000 dollari australiani per farlo il prima possibile. 2 persone, morte per incidente se possibile”, ha scritto l’imputata in un messaggio al presunto amministratore della piattaforma, identificato con il nickname di “Juan”.

Alcuni marketplace che offrono servizi di noleggio assassini

Dai controlli recentemente effettuati, ho appurato che si possano trovare, sotto rete Tor, diversi portali con annunci di servizi “fuori dal comune”, come il noleggio di assassini a pagamento.

L’ultima recente udienza

La 27enne è apparsa a distanza (videoconferenza) presso l’ACT Magistrates Court martedì (10 maggio) dove sono state presentate dichiarazioni di non colpevolezza per due accuse di incitamento all’omicidio, sebbene si sia già dichiarata non colpevole di due accuse di tentato omicidio, ed è stata rinviata a giudizio per tutte le accuse alla Corte Suprema.

Il magistrato James Stewart l’ha rinviata in custodia per la prima volta davanti alla corte superiore il 19 maggio in modo che possa essere sottoposta alla fase finale del processo.

Gli atti del tribunale affermano che nel settembre 2020 la donna è andata a casa dei suoi genitori quando erano via e ha trasferito 15.000 dollari dal conto bancario di sua madre a un conto condiviso, poi trasferiti nuovamente a un altro proprio.

Dopo alcune ricerche, la polizia ha intervistato i genitori dell’imputata, scoprendo che i figli della coppia avrebbero ricevuto parti uguali della loro proprietà di 8 milioni di dollari in caso di eredità.

Un paio di mesi dopo, la polizia ha intervistato l’imputata e perquisita la sua casa e, sebbene abbia negato di sapere nulla di Bitcoin o di omicidi a noleggio nel dark web, è stata arrestata più tardi quel giorno. I pubblici ministeri hanno presentato due capi di imputazione per tentato omicidio, due capi di incitamento all’omicidio, rapina e violazione di domicilio.

Dario Fadda

IT & Security blogger per passione. Nel 2003 ho fondato Spcnet.it. Dal 2006 sono membro attivo del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari). Oggi scrivo qui e nella pagina "La Stampa dice" trovate i miei contributi per le testate giornalistiche. Per tutto il resto c'è dariofadda.it che contiene "quasi" tutto di me.

Want to comment on? Turn on the discussion

Back to top