Gli americani hanno inviato una “nave hacker” nel Mar Nero

L’ammiraglia della sesta flotta degli Stati Uniti può hackerare le reti di comando e controllo di altre flotte, comprese quelle russe.

L’ammiraglia della sesta flotta della US Navy Mount Whitney ha completato l’esercitazione e ha iniziato il viaggio dal Mar Nero al Mediterraneo. Lo riferisce il servizio stampa della flotta.

Il 10 novembre, il ministero della Difesa russo ha riferito che le navi della marina statunitense sono state inviate per partecipare alle esercitazioni multinazionali condotte dal comando congiunto delle forze armate statunitensi in Europa nella regione del Mar Nero. Secondo il Ministero della Difesa, c’erano il cacciatorpediniere missilistico Porter, la petroliera John Lenthall l e il Mount Whitney della US Navy.

Secondo l’esercito americano, dopo la modernizzazione, l’imbarcazione Mount Whitney è diventata una vera “nave hacker“. Secondo loro, Mount Whitney ha ora l’attrezzatura di comunicazione radio più avanzata di qualsiasi nave che sia mai esistita.

L’ammiraglia della sesta flotta degli Stati Uniti può hackerare le reti di comando e controllo di altre persone, comprese quelle russe. Pertanto, l’esercito americano può presumibilmente ottenere l’accesso a enormi quantità di intelligence, intercettare il controllo degli armamenti e paralizzare i sistemi di difesa del nemico.

Ad esempio, le apparecchiature di Mount Whitney possono hackerare i sistemi di controllo delle armi, intercettare i dati, disconnettere gli operatori dai droni e caricare malware nelle apparecchiature nemiche.

Dario Fadda

IT & Security blogger per passione. Nel 2003 ho fondato Spcnet.it. Dal 2006 sono membro attivo del Gulch (Gruppo Utenti Linux Cagliari). Oggi scrivo qui e nella pagina "La Stampa dice" trovate i miei contributi per le testate giornalistiche. Per tutto il resto c'è dariofadda.it che contiene "quasi" tutto di me.

Vuoi commentare? Accendi la discussione

Torna in alto