L’esperto di sicurezza informatica Robert Herjavec fiducioso che gli Stati Uniti possano salvaguardare il voto dagli hacker

Posted by

Martedì, l’imprenditore di sicurezza informatica Robert Herjavec ha cercato di assicurare agli americani che i risultati delle votazioni delle elezioni presidenziali sono affidabili e privi di interferenze straniere.

“Il governo degli Stati Uniti ha fatto molta strada. Dovresti hackerare le macchine di scansione reali per modificarlo. Questo è estremamente difficile e richiede una presenza fisica per farlo, quindi sono abbastanza fiducioso “il voto conta, ha detto Herjavec su Squawk Alley della CNBC.

Il fondatore e CEO di Herjavec Group, che fornisce prodotti e servizi di sicurezza informatica alle imprese, si è anche detto incoraggiato dagli sforzi delle società di social media come TwitterFacebook per monitorare la disinformazione pubblicata online.

“Se i social media fanno credere alla gente che è successo qualcosa, la gente perde il senso dell’integrità delle elezioni e sono ottimista sul fatto che il governo abbia fatto un buon lavoro. Facebook, Twitter, persino Zoom, stanno davvero limitando il tipo di cose che stanno uscendo là fuori, quindi penso che sia sicuramente meglio di prima”, ha detto Herjavec, che è anche un investitore di ″Shark Tank”.

Gli hacker russi hanno diffuso intenzionalmente disinformazione sui social media con l’obiettivo di intromettersi nelle elezioni statunitensi del 2016, ricercatori indipendenti e un comitato bipartisan del Senato successivamente determinato. Facebook e Twitter allo stesso modo hanno adottato numerose misure per cercare di limitare la diffusione di informazioni false sulle loro piattaforme. Entrambe le società hanno anche affermato che etichetteranno post che rivendicano prematuramente la vittoria elettorale.

Il mese scorso, tuttavia, i funzionari della sicurezza statunitense hanno indicato che Russia e Iran hanno ottenuto le registrazioni degli elettori americani e stavano lavorando per influenzare le elezioni di martedì. 

“Anche se gli avversari perseguono ulteriori tentativi di intimidazione o tentano di minare la fiducia degli elettori, sappi che i nostri sistemi elettorali sono resistenti e puoi essere certo che i tuoi voti sono al sicuro”, ha detto all’epoca il direttore dell’intelligence nazionale John Ratcliffe.

Herjavec, che è membro della Task Force per la sicurezza informatica della Camera di commercio degli Stati Uniti e ha servito come consulente per la sicurezza informatica del governo canadese, ha affermato di ritenere che la minaccia informatica più significativa siano gli attacchi ransomware su larga scala che minacciano la disponibilità delle reti. Tuttavia, ha sottolineato di non essere preoccupato per i conteggi dei voti reali.

“Non mi preoccupo dei risultati effettivi stessi… Ma mi preoccupo della natura percettiva di esso”, ha aggiunto. “Ci sono molti media falsi, post falsi sui social media, ma Facebook, Google, Twitter, hanno tutti allestito queste stanze di guerra virtuali. Le persone sono pronte. Sono fiducioso che gli americani possano fidarsi dei voti che vedono”.

Herjavec ha anche avvertito le aziende e altre imprese del potenziale di violazioni mentre tanta attenzione è concentrata sulle elezioni presidenziali. Ciò si basa sui commenti fatti lunedì dal presidente della Securities and Exchange Commission Jay Clayton, che ha affermato che le incertezze causate dalla pandemia di coronavirus e da altri eventi creano rischi informatici elevati.

“Siamo in massima allerta perché pensiamo che gli aggressori, interni ed esterni, cercheranno di approfittare di questo tempo per cose di base come rubare denaro, rubare credenziali”, ha detto Herjavec, riferendosi alla sua azienda.

Vuoi commentare? Accendi la discussione