L’Hermitage ha accusato il leader dei Rammstein di vendere token NFT contraffatti

Posted by

Till Lindemann ha recentemente rilasciato una serie di token NFT con immagini scattate all’Hermitage. L’uso della foto non è stato approvato dal museo.

L’Hermitage è in attesa di una risposta alle sue denunce relative alla vendita illegale di oggetti con immagini digitali (token NFT) dal frontman del gruppo Rammstein Till Lindemann e dalla piattaforma NFT Frame Art, secondo il canale Telegram ufficiale del museo.

A maggio, il museo ha permesso a un musicista rock di girare un video per la canzone “Favorite City” nei loro interni. Successivamente, Lindemann ha rilasciato una serie di NFT con immagini digitali preparate nell’Hermitage durante le riprese. Tuttavia, l’utilizzo di immagini di oggetti della collezione e degli interni del museo nella collezione di gettoni, anche con l’indicazione dell’Edizione dell’Ermitage, non era e non poteva essere concordato con il museo.

L’Hermitage si è rivolto a Lindemann con un avvertimento anche in fase di annuncio del progetto digitale. Tuttavia, i token sono ancora presenti sul mercato. Il museo ha affermato di essere stato uno dei primi ad affrontare l’abuso del suo nome e dell’arte NFT.

L’Hermitage, come riportato dal canale Telegram, “ha inviato una lettera di notifica anche alla piattaforma NFT Frame Art, che ha consentito la vendita di NFT contraffatti senza un’adeguata verifica dei diritti esclusivi del venditore sull’opera, e quindi ha minato la fiducia degli acquirenti nella blockchain. piattaforme”. La piattaforma NFT Frame Art ha confermato la ricezione della lettera.

Vuoi commentare? Accendi la discussione