Mashable.com è stato violato. Database del sito in vendita sul deep web

Il database, che contiene record equivalenti a 5,2 GB, è già stato esposto in più forum di hacking sul dark web

È stato segnalato un nuovo incidente di violazione dei dati. Il pericoloso hacker noto come ShinyHunters ha fatto trapelare un database presumibilmente collegato a Mashable.com, una società di media con una presenza globale. Il database, che contiene record equivalenti a 5,2 GB, è già stato esposto in più forum di hacking sul dark web, anche quelli di lingua russa.

Alcuni specialisti della sicurezza informatica sono già stati in grado di analizzare questi dati, concludendo che il database compromesso contiene record di dipendenti, abbonati e utenti. Questi record includono:

  • Nomi completi
  • Indirizzi
  • Indirizzi email
  • Nazione
  • Genere
  • Data di registrazione
  • Indirizzi IP
  • Collegamenti a profili di social media, tra gli altri

Sebbene questo sia uno scenario terribile per l’azienda, il database non contiene alcuna registrazione finanziaria dei suoi utenti. ShinyHackers ha anche specificato che il database non contiene password per accedere agli account compromessi.

Mashable è già a conoscenza di questo incidente, quindi la compagnia dovrebbe parlare ad un certo punto nei prossimi giorni. 

Riguardo all’attività di ShinyHunters, questo non è il primo incidente di alto profilo in cui l’hacker è stato recentemente coinvolto. Negli ultimi dodici mesi, questo criminale informatico ha compromesso con successo i sistemi informatici di aziende come WattPad, Dunzo, Dave.com, Minted, Tokopedia, tra gli altri, espone fino a 270 milioni di record riservati.

Vuoi commentare? Accendi la discussione