Un attacco informatico espone i dati dei pazienti della clinica oculistica

Posted by

Un attacco informatico a una clinica oculistica con sedi in tutto lo Iowa potrebbe aver esposto i registri di centinaia di migliaia di pazienti. 

Martedì, la Wolfe Eye Clinic ha  annunciato di aver subito un attacco digitale nel febbraio di quest’anno. Durante l’attacco, una terza parte non autorizzata ha avuto accesso alla rete informatica della clinica. 

Secondo la clinica, gli autori dell’attacco informatico potrebbero aver compromesso i registri di circa mezzo milione di pazienti passati e presenti. 

La Wolfe Eye Clinic ha dichiarato che la violazione si è verificata l’8 febbraio. La clinica ha assunto una società IT indipendente per indagare sull’incidente di sicurezza, ma è stato solo mesi dopo che l’entità della violazione è stata realizzata.

“Dopo aver rilevato questo incidente, ci siamo mossi rapidamente per proteggere il nostro ambiente di rete e abbiamo avviato un’indagine approfondita”, ha affermato la Wolfe Eye Clinic.

“L’indagine è stata eseguita con l’aiuto della sicurezza IT indipendente e degli investigatori forensi per determinare la portata e l’estensione del potenziale accesso non autorizzato ai nostri sistemi e a qualsiasi informazione sensibile”, ha continuato la clinica. 

“Data la complessità e la portata dell’attacco informatico rilevato, l’intera portata delle informazioni potenzialmente interessate non è stata pienamente realizzata fino al 28 maggio 2021”.

L’azienda ha completato la sua indagine l’8 giugno. Dopo aver esaminato le prove forensi digitali, ha scoperto che i dati dei pazienti esposti nell’attacco potrebbero aver incluso nomi dei pazienti, indirizzi postali, date di nascita, numeri di previdenza sociale e informazioni mediche/sanitarie protette.

Wolfe Eye Clinic sta contattando tutti i pazienti che potrebbero essere stati colpiti dalla violazione dei dati con una notifica di violazione inviata per posta. Ai pazienti affetti viene offerto un anno complementare di servizi di monitoraggio dell’identità. 

La clinica ha affermato che sta “prendendo provvedimenti per evitare che un evento simile si verifichi in futuro implementando ulteriori salvaguardie e misure di sicurezza rafforzate per proteggere meglio la privacy e la sicurezza delle informazioni nei nostri sistemi”.

La Wolfe Eye Clinic, fondata dal Dr. Otis Wolfe, ha aperto i battenti per la prima volta nel 1919. L’attività, che oggi serve più di 700.000 pazienti, è iniziata con una clinica a Marshalltown, Iowa. Ora comprende 11 cliniche principali, 9 centri oculistici familiari, un centro chirurgico e più di 25 sedi di sensibilizzazione in tutto lo stato.

Vuoi commentare? Accendi la discussione