Smantellata piattaforma online per abusi sui minori con 400.000 utenti

Un sito web attraverso il quale più di 400.000 utenti hanno avuto accesso a materiale pedopornografico (CSAM) è stato rimosso in un’operazione internazionale guidata dalla polizia tedesca.

Il sito di Boystown esisteva su Darknet almeno da giugno 2019 e aveva utenti in tutto il mondo. Dopo aver creato un account, gli utenti potevano scaricare video e immagini raffiguranti abusi sessuali su minori, scambiarsi contenuti di questa natura tra loro e anche chattare insieme tramite canali vocali.

“Tra le immagini e le registrazioni video condivise c’erano anche le registrazioni dei più gravi abusi sessuali sui bambini piccoli”, hanno detto lunedì i pubblici ministeri tedeschi.

DW segnala che gli amministratori della piattaforma hanno inviato consigli agli utenti su come accedere al sito in modo sicuro per evitare procedimenti penali. 

Quattro cittadini tedeschi sono stati arrestati perché sospettati di essere coinvolti nella piattaforma di Boystown. Tre di queste persone sono accusate di gestire e mantenere il sito.

Durante i raid di metà aprile in sette proprietà, la polizia ha arrestato un uomo di 40 anni residente a Paderborn, nella Germania occidentale, un uomo di 49 anni della zona di Monaco e un uomo di 58 anni della Germania settentrionale che vive in Paraguay da diversi anni. 

Il quarto sospetto, un uomo di 64 anni che vive ad Amburgo, è accusato di aver creato un account sulla piattaforma Boystown nel luglio 2019 e di averlo utilizzato per pubblicare oltre 3.500 contenuti sul sito. Se si dimostrasse vero, la sua presunta attività renderebbe quest’uomo uno degli utenti più attivi del sito. 

Una task force internazionale istituita dalla polizia criminale federale tedesca (Bundeskriminalamt) per prendere di mira Boystown e i suoi utenti comprendeva Europol e le forze dell’ordine dei Paesi Bassi, della Svezia, dell’Australia, del Canada e degli Stati Uniti. 

Europol ha affermato che diversi altri siti di chat sul dark web utilizzati da autori di reati sessuali su minori sono stati sequestrati nell’ambito dell’operazione di rimozione di Boystown. 

“I dati di immagini e video sequestrati durante questa indagine verranno utilizzati per le task force per l’identificazione delle vittime organizzate regolarmente presso Europol”, ha affermato Europol. 

“Ci si aspetta più arresti e salvataggi a livello globale mentre la polizia mondiale esamina i pacchetti di intelligence compilati da Europol”.

Vuoi commentare? Accendi la discussione