#CES2021: alzare il livello della privacy e della fiducia online nel 2021

Le grandi aziende tecnologiche devono “alzare il livello” per migliorare la privacy e la fiducia nei loro servizi nel 2021. Questo è stato il messaggio di una tavola rotonda al Consumer Electronics Show (CES) 2021, che includeva rappresentanti di Google, Twitter e Amazon.

Questa esigenza di maggiore trasparenza è emersa come risultato della crescente dipendenza dalla tecnologia digitale per condurre la vita quotidiana dall’inizio della crisi COVID-19 lo scorso anno. Ciò include per motivi di lavoro e per essere in grado di rimanere in contatto con amici e familiari, tendenze che sono destinate a rimanere in atto in futuro, almeno in una certa misura. Anne Toth, direttore di Alexa Trust-Amazon, ha spiegato: “Stiamo vedendo sempre più casi in cui le persone utilizzano il nostro prodotto per interazioni molto importanti… questo tipo di casi d’uso alza il livello su come essere trasparenti sui controlli della privacy e l’affidabilità del prodotto.”

Sebbene la privacy online sia stata un problema importante per diversi anni, gli eventi del 2020 l’hanno davvero portata alla ribalta. Keith Enright, chief privacy officer di Google, ha commentato: “Gli utenti si sentono più nervosi che in passato; si affidano alla tecnologia più di quanto abbiano fatto in passato per vivere le loro vite e per fare le cose che sono importanti per loro“.

Le aziende tecnologiche hanno quindi il dovere di aiutare gli utenti a sentirsi al sicuro online. Oltre a controlli sulla privacy trasparenti e regole sulla protezione dei dati, Enright ha aggiunto che è anche fondamentale “lavorare in tutto il settore e con le autorità di regolamentazione e altri per identificare le opportunità in cui possiamo migliorare in modo significativo la privacy e la sicurezza che regolano il comportamento degli utenti online“.

Inoltre, i modi in cui l’intelligenza artificiale (AI) e gli strumenti di apprendimento automatico raccolgono e condividono i dati degli utenti devono essere chiaramente visualizzati. Damien Kieran, chief privacy officer di Twitter, ha dichiarato: “Man mano che queste tecnologie diventano più onnipresenti in tutto ciò che stiamo utilizzando e facendo online, penso che la trasparenza in quello spazio sarà incredibilmente importante“.

È probabile che anche gli eventi e gli aggiornamenti relativi alla privacy dello scorso anno abbiano grandi implicazioni per le aziende tecnologiche di consumo in futuro. Ciò include lo sviluppo di nuove leggi sulla privacy in paesi come gli Stati Uniti, a seguito dell’implementazione del GDPR in Europa, che dovrà essere navigato. Un altro evento significativo dello scorso anno è stata la sentenza che il meccanismo di protezione della privacy USA-UE per il trasferimento dei dati era illegale .

Kieran ha evidenziato come tali tendenze offrano il potenziale per una maggiore “balcanizzazione” di Internet, dove i dati e la privacy sono gestiti in modo diverso a seconda delle regioni. Ha commentato: “Esiste il potenziale per un impatto dannoso, sia per l’industria che per la fiducia dei consumatori in termini di come questi prodotti e servizi funzionano ogni giorno”. Ha aggiunto che aiutare gli utenti a comprendere questi cambiamenti è attualmente uno degli obiettivi principali di Twitter.

I membri del panel hanno anche espresso il desiderio che nei prossimi due anni venga emanata una legge federale sulla privacy degli Stati Uniti per aiutare ad affrontare questo problema, in particolare con le varie leggi statali degli Stati Uniti che ora creano un “mosaico” di legislazione sulla privacy.

Guardando all’amministrazione Biden in arrivo, Enright ha affermato che Google è alla ricerca di “protezioni forti e coerenti per i diritti individuali, uniformità dei controlli, poiché è utile se gli utenti hanno un’esperienza coerente quando interagiscono con i servizi online ovunque si trovino nel mondo. “

In termini di azioni delle stesse aziende tecnologiche, Toth ha aggiunto che si aspetta che ci sia una continua progressione dei protocolli sulla privacy, sottolineando che in Alexa, “ogni prodotto rilasciato è abbinato a una versione della funzione di privacy“.

Vuoi commentare? Accendi la discussione